Bucchioni: “Montella vuole Mati. Napoli alla carica per Kalinic e Vecino”

Bucchioni

Montella è ufficialmente l’allenatore del Milan e dunque guarda in casa Fiorentina per alcuni suoi pupilli, secondo quanto scrive Enzo Bucchioni su Tuttomercatoweb.com, uno in particolare: “Ha chiesto un Milan con un centrocampo tutto nuovo. Vuole giocatori tecnici, in particolare il suo pupillo Mati della Fiorentina“. Ma non finisce qui perché in nella Fiorentina continua a guardare anche il Napoli: “Torna in ballo l’accoppiata Kalinic-Vecino. Tempo fa De Laurentiis ha chiesto Vecino direttamente a Diego Della Valle, scherzando ha parlato di assegno in bianco. Kalinic piace sempre molto. Cinquanta milioni per due? La Fiorentina non ci sente, ma il pressing è sempre alto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

26 commenti

  1. Erossi@gmail.com

    S69 vorrai mica paragonare Montella con Conte?siamo seri per favore!!!!!tutto il mondo sa chi è Antonio Conte,simpatico o antipatico che sia,Montella e ‘un apprendista allenatore, molto molto fortunato con santi in paradiso che quest’anno porterà il milan al 4 /5 posto nonostante gli acquisti e che come sempre è per sempre non vincerà mai niente ,tipo Prandelli per capirci!!!!te lo ricordi ,quello della show che sono tre anni che non allena e che non ha voluto neanche k’Atalanta!!!
    Fatti non chiacchiere! !!

  2. Invece quando gli dette 4 popoli al fenomenale Conte, che avanti di due gol, commise errori tattici da dilettante …..

  3. Erossi@gmail.com

    Il solito Montella che dai propri errori non trae mai qualcosa di buono!!!vuole un centrocampo tecnico,non gli è bastato vedere cosa succede quando un centrocampo solo tecnico affronta un centrocampo fisico!!perché non si rivede fiorentina juve quando per sua colpa ……..

  4. Siamo alle solite, tutti a ragionare di plusvalenze, monte ingaggi e plusvalenze. Se il punto è vendere Kalinic e Vecino per pigliarne due più forti, rientra nella logica. Ma buttarla sempre sul lato economico è segno che hanno vinto i DV il processo di rincoglionimento del tifoso è perfettamente riuscito. Grazie alla preziosa collaborazione del cerchio magico della tribuna stampa, il normale senso critico del tifoso medio è stato azzerato. Ora tutti in trepidante attesa di cessioni “pesanti” per poter comprare giocatori che magari saranno pronti fra 2/3 anni (naturalmente per pronti si intende in grado di fornire ricca plusvalenza). Più che simili all’Udinese, il modello pare più una moderna azienda di polli da batteria: allevamento intensivo e ricco profitto.

  5. D’accordo con il ragionamento di BatiRui.
    Inoltre aggiungo che se incassano tutti quei soldi, diventeranno ore decisive per Longo!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*