Questo sito contribuisce alla audience di

Caiazza: “La Coppa Italia è una coppetta per quelli che non arrivano in finale. Stasera…”

A Radio Kiss Kiss è stato intervistato il giornalista de Il Tempo Salvatore Caiazza, chiamato a commentare il big match di stasera tra l’undici di Montella e quello di Benitez, valevole per la finale di Coppa Italia: “La maggior parte del lavoro è stato fatto e questo resta un anno di transizione, anche se questo è comunque un trofeo che naturalmente il Napoli vuole portare a casa. Stasera questa partita è motivo di aggregazione ed anche le tifoserie gemellate al Napoli parteciperanno a questa partita. E’ giusto che le due formazioni si impegnino tanto e che entrambe le tifoserie aiutino ed incitino le rispettive squadre al fine di conseguire il trofeo. Tra Jorginho, Inler e Behrami a centrocampo è l’unico dubbio. Mi auguro, e nessuno me ne voglia, che Marek Hamsik sia titolare stasera con la speranza che possa essere lui ad alzare la coppa. Callejon e Higuain sono formidabili. Benitez ha indovinato le due scelte, compresa quella di Albiol. Non era facile dire addio al Real Madrid, ed oggi sono nel Napoli. Mi appello a loro, oltre che agli altri, affinché giochino una partita perfetta. Mentre la Fiorentina, da parte di Montella, ha architettato molto bene la pretattica degli infortuni: molto probabilmente, nella ripresa, giocherà Rossi. Stasera non sarà una partita ad armi pari, ma gli infortuni fanno parte del gioco. Però, non ci fidiamo della Fiorentina e di un nostro concittadino quale Montella. La Coppa Italia è una coppetta per quelli che non arrivano in finale. La Juve e la Roma, quando sono state eliminate, si sono arrabbiate. Magari non è paragonabile alle altre nazioni europee, però resta un trofeo che va’ rispettato e si deve scendere in campo sempre con la voglia di vincerlo”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. basta il nome e nn dico altro

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*