Questo sito contribuisce alla audience di

Calamai: “Babacar deve dimostrare a Corvino di valere la maglia viola. Non può più fare la riserva a Firenze”

Luca Calamai, giornalista de La Gazzetta dello Sport, ha parlato a Radio Blu: “Babacar con la squalifica di Kalinic sarà lanciato dal primo minuto contro l’Inter sabato. I dirigenti, Corvino in primis, si stanno interrogando su di lui, e dovranno decidere del suo futuro a fine stagione. Il ragazzo ha qualità, senso del gol, ma ancora non ha dato quel segnale di abilità tale da candidarsi a titolare della Fiorentina. Sabato il senegalese ha una grande opportunità per conquistare Corvino. Babacar non può restare più a fare la riserva, in un anno in cui la Fiorentina non sarà quasi sicuramente in coppa”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Babacar (da eterna promessa) non ha mai dimostrato di poter essere un titolare in grado di sostenere l’attacco della Fiorentina.

    Certo che ha fatto gol importanti ma come attaccante “funzionale” al gioco globale è davvero troppo fermo!
    E’ il classico attaccante da area di rigore e basta: oggi è un pò pochino per il calcio moderno.

    Non sarà facile decidere sul suo futuro…

  2. La Fiorentina non sarà in coppa e se aspettiamo la matematica abbiamo la visuale assai limitata.

    Babacar dovrebbe non essere più lui per riuscire ad entusiasmarci, … son comunque convinto che se avesse avuto la stessa montatura giornalistica di Bernardeschi a questo punto si parlerebbe di un altro giocatore.

    Ormai è tutta una questione di sponsor, con la pubblicità giusta puoi far passare una minestrina in brodo per un piatto di lasagne!

  3. che tristezza…vedere spenta la voglia dei tifosi è la colpa più grande che una società possa attribuirsi verso i principali clienti…non c è più voglia di parlare di viola..di commentare ogni notizia…di sperare nel futuro…avete spento ogni minimo sogno…avete trasformato la vostra indifferenza in naturale indifferenza dei tifosi…che società triste che vi siete rivelati

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*