Calamai: “La Fiorentina ha ripreso a correre: con i giocatori al loro posto se la può giocare contro molte squadre”

Borja Valero in possesso del pallone. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com
Borja Valero in possesso del pallone. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Luca Calamai, giornalista de La Gazzetta dello Sport, è intervenuto a TMW Radio soffermandosi anche sulla partita di ieri della Fiorentina: “I gigliati sono tornati a correre nonostante la partita tre giorni dopo quella di coppa e con i viaggi sulle spalle. Da trequartista Bernardeschi ha fatto un gol e un assist, Borja Valero è tornato a fare il centrocampista. La Fiorentina, con i giocatori al loro posto e la condizione fisica in crescendo, è una squadra che se la può giocare contro molti avversari”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Calamai ogni tanto rileggi quello che hai detto la settimana prima……

  2. Mi,levo,il cappello,davanti alla competenza di Drak, complimenti. Il punto però è un altro. Anche Lui (Calamai) come tutti i volta gabbana si prepara a pararsi il c..o. Se le cose andranno meglio delle loro previsioni di ieri, potranno sempre dire : io l’avevo detto. Non è vero Cisko73 73 ?

  3. Traduzione dal ‘Calamaiese’, linguaggio criptico molto diffuso tra i giornalisti sportivi. Correre=Fare gol. Giocatori nel ruolo giusto=Giocatori che mettono la palla nel posto giusto (ovvero in rete). Il trequartista lo ha fatto Ilicic, non Bernardeschi, che ruotava e si scambiava di posizione con Ilicic e Kalinic. Bernardeschi il trequartista, partendo da posizione centrale, non lo sa ancora fare, e secondo me mai lo saprà fare ad altissimo livello, quindi Sousa cerca di creargli le condizioni giuste per farlo esprimere facendolo accentrare partendo da sinistra, e magari anche da destra. Robben i suoi gol come li segna? Dal centro, dopo essersi accentrato, ma non è un trequartista, in parte è ciò che fa pure Bernardeschi. Sousa deve seguire la strada di Cagliari, una Fiorentina stile Borussia Dortmund, che sia di Klopp o di Tuchel.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*