Calamai: “L’assist di Saponara è un gesto tecnico che solo i fuoriclasse fanno fare. L’ex Empoli è la prima…”

Luca Calamai, giornalista de La Gazzetta dello Sport, è intervenuto a Radio Blu: “La vittoria con il Crotone permette alla Fiorentina di credere ancora all’Europa League, ma per avere qualche speranza i gigliati devono vincere tutte le partite fino alla pausa di Pasqua. L’assist di Saponara è stato fantastico, un gesto tecnico che solo i fuoriclasse fanno fare: l’ex Empoli è la prima grande scommessa del nuovo corso di Pantaleo Corvino. Il dg viola lo considera il punto di partenza per il futuro della squadra”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Accidenti !!!
    Abbiamo comprato un fuoriclasse ?!?!?
    ….se lo dici te….????

  2. Se continuiamo a fare buoni risultati arriveremo a fare più o meno gli stessi punti d anno scorso. Poi se l Atalanta fa ad oggi 25 punti in più dell anno passato c’è da riconoscere anche i meriti altrui. O ci siamo solo noi?

  3. STEFANO, o hai buoni informatori, o il tuo è un atto di fede. In ambedue i casi, Corvino deve meritarsi la riconferma. Non è lì per perdere tempo, deve ottenere risultati. I tifosi non hanno pagato a metà prezzo i loro posti allo stadio e i loro abbonamenti pay-tv. Quest’anno il direttore generale è lui, lui è responsabile del rendimento della squadra, lui può e poteva cambiare allenatore, lui ha scelto chi prendere e chi confermare. Lui è plenipotenziario, lui deve ottenere i risultati, anche spremendo sangue dalle rape, se necessario. I tifosi ci mettono i soldi, lui è pagato per ottenere risultati, non per perdere tempo e assecondare gli allenatori che ha lui ha scelto di riconfermare. Quindi, se hai buoni informatori, Corvino si è fatto suggerire l’agenda dall’allenatore, non è un punto a suo favore. Se invece il tuo è un atto di fede, Corvino deve ripagare la fede viola dei tifosi della Fiorentina e ottenere i risultati. In ambedue i casi, deve meritarsi al riconferma. Se lo confermano per fare un piacere al ragionier Cognigni, che è afflitto da gravissima misoginia sul posto di lavoro (vedi casi Montella, Pradè, Macia etc.), non è un bene per la Fiorentina. La Fiorentina deve produrre calcio e risultati, non fare assistenza sociale. Ci sono agenzie altre che si occupano di quello. E a quelle può rivolgersi il ragionier Cognigni.

  4. Ma come l’E.L. adesso è diventata così importante? In questi anni dell’era D.V., mi pare che ci siamo quasi sempre stati, ma non è servito a niente. Sempre a rompere i coglioni con i zero tituli. Quest’anno che non ci andremo, diventa fondamentale per giudicare il lavoro di Corvino e degli altri… Chi vi capisce è bravo.

  5. Guarda che a mio parere non hai capito un nel niente. Corvino già l’estate scorsa voleva rivoluzionare la squadra ma é stato Sousa nell’incontro che ebbero a chiedergli di continuare con l’ossatura esistente. Corvino poi é tornato a Firenze solo quest’anno. Lasciamo gli almeno il tempo di lavorare. Chi c’era prima é rimasto vari anni. Diamo tempo anche a lui. Poi potremo criticare quanto vorremo ma non possiamo cambiare DS ogni anno.

  6. Quando vince, Corvino ha ragione. Quando perde, ha torto. Deve vincerne altre 9 da qui alla fine, ed entrare in Europa League. Quello deve fare per avere ragione ed avere il diritto di continuare. Altrimenti dovrebbe essere fuori dai giochi, ad occuparsi dei nipoti in Salento. Se non entra in Europa League, ma i signori Della valle lo tengono lì perchè è l’unico a sopportare il ragionier Cognigni, E’ e RESTA un ABUSIVO, e come tale sarà trattato. I risultati determinano i destini di tutti nel calcio, vale anche per Corvino. Calamai poi è fantastico, ha la banderuola sistemata sempre nella direzione in cui spira il vento. E’ magico, sopravvive a tutto. Dove va il vento, lui c’è. Im-pagabile.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*