Calamai: “Per coltivare il sogno scudetto servono tre colpi veri. Quindici titolari sono pochi per puntare al titolo”

Il giornalista de La Gazzetta dello Sport, Luca Calamai, ha scritto un editoriale sul campionato pubblicato questa mattina dal suo giornale. Sulla Fiorentina si legge: “In attesa dei rinforzi promessi Sousa si gode i suoi 14-15 titolari. Tutti disponibili, tutti forti ma pochi per puntare al titolo. Un mese fa in casa viola speravano nel ritorno del vero Rossi e in Suarez. Oggi Pepito vuole andarsene e lo spagnolo è in vendita. Per coltivare il sogno-scudetto servono due-tre colpi veri”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. Per pino, quelli che secondo te non possono essere considerati titolari sono nazionali rispettivamente di Argentina, Cile e Polonia, i 3 che vorresti al loro posto invece non lo sono…

  2. Roncaglia non può essere considerato tra i titolari, gioca solo perché non c’è nessuno, stesso discorso per nati e kuba. Con Lisandro Lopez, Papu Gomez e Ocampos/El Sharawi hai i 18 titolari se no ne hai 15.

  3. Ma un Ranocchia farebbe poi così schifo ? A. Dimenticavo bisogna pagarlo !! Scusate non dico più niente

  4. Tatarusanu, Sepe, Tomovic, Roncaglia, Astori, Gonzalo, Alonso Pasqual, Suarez, Vecino, Badelj, Borja Valero, Mati, Kuba, Bernardeschi, Babacar, Ilicic, Kalinic, Rossi. Direi che questi 19 possano essere tutti tranquillamente titolari, 18 se non contiamo il portiere di riserva, quindi non sono 14 o 15…

  5. Meglio un uovo e una gallina oggi che niente domani.
    A me sembra di sognare comunque io i tre li avrei:

    El Shaarawy, Lisandro Lopez, Ivanovic

    Forza Viola Sempre e comunque

  6. davvero? bella scoperta…

  7. Grazie al Piffero! ehehehhahaahah Calamai bravo un fare nomi tanto non nè azzecchi uno che è uno e quindi e poi scoperto l’acqua..Calda arreiehehehahhaahah FVS che è meglio

  8. luca Maranello

    ma che articolo è ??
    in pieno mercato fai un articolo del genere ??
    grazie al cas Calamai !!!

    la sagra del luogo comune costui

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*