Calamai: “Quello della Fiorentina è un mercato di seconde scelte. Linea morbida viola su Gomez”

Il terzino destro Diks. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com
Il terzino destro Diks. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Il giornalista de La Gazzetta dello Sport, Luca Calamai, commenta le vicende della Fiorentina parlando su Radio Blu: “E’ un mercato di seconde scelte, perché queste sono Diks, Toledo, Milic ecc… a differenza di Corluka che era un acquisto vero. Allora mi auguro che arrivino due giocatori veri da qui fino alla fine del mercato. E’ un mondo diverso passi da un titolare a un giocatore che non è Verdù, nel senso che ci sta tranquillamente, ma è proprio un livello diverso dal croato. Su Gomez la Fiorentina ha scelto la linea morbida, perché il tedesco sta facendo quello che vuole. Speriamo che questa scelta paghi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Calamai e’ splendido! Riesce a dire il tutto e il contrario di tutto nel giro di pochi giorni…capisco che deve scrivere qualcosa,ma attenersi ai fatti invece di fare premonizioni su acquisti improbabili x questa dirigenza che bada solo a non spendere ,non sarebbe piu’ corretto?

  2. Seconde scelte è un eufemismo!
    I giovani vanno bene ma non si possono caricare di troppe responsabilità. Gli altri sono scarsi.
    Invece di buttare soldi tutti gli anni per giocatori di basso livello perché non prenderne solo 1/2 ma buoni?
    Non dico campioni perchè da noi non vengono e non ce lì possiamo permettere.
    Se per prendere giocatori dobbiamo vendere perché non ci organizziamo in tal senso fin dall’inizio?
    Tenere “tutti i migliori” senza correggere i difetti arcinoti della squadra è senza senso.
    Vendiamo i giocatori, che hanno mercato, che non sono indispensabili per il nostro tipo di gioco o dei quali abbiamo già dei sostituti in organico o, ancora, impariamo ad acquistare velocemente coloro che dovranno rimpiazzarli.
    Questa società non riesce a fare né una cosa né l’altra ed ha un organico che perde valore (sportivo ed anche economico) di anno in anno.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*