Questo sito contribuisce alla audience di

Calamai: “Tra i grandi sogni di Spalletti c’è quello di lavorare per la Fiorentina. Le chance sono poche, ma ci sono”

Luciano Spalletti ride in panchina. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

A Radio Blu, il giornalista de La Gazzetta dello Sport Luca Calamai riparte da un’analisi sul possibile futuro della panchina viola: “A oggi la Fiorentina non ha in mano l’allenatore dell’anno prossimo, lo capisco perché si sta cercando il meglio ma il meglio passa dai vari giri di mercato, nei quali la Fiorentina non è la prima scelta. Può diventarlo se questo risiko lascia fuori qualcuno per cui come percentuali sono alla pari Di Francesco e Pioli. E’ sparito Sarri, che non ritiene Firenze una sua priorità, mentre può essere un’opzione per Spalletti. Pretenderei che i dirigenti viola approfondissero la questione Spalletti, perché potrebbe essere un elemento di grande garanzia per ripartire: lui non verrebbe per soldi, ha due grandi sogni: vincere lo scudetto in Italia e lavorare per la Fiorentina. Non so se la prima opzione per lui sia realizzabile, per cui se la dirigenza gigliata gli propone più o meno i soldi di Sousa e gli affida un percorso ambizioso, che debba avere la crescita della Fiorentina con l’obiettivo della Champions, penso che lui accetterebbe di intraprendere questo tipo di cammino”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. John Torpy Son daccorissimo con te, ma anche certi commenti non scherzano.

  2. Spalletti ultimo dei romantici? Perche’ a me che non sono dell ambiente solo vedere Cognigni e il Mago di Vernole,fa girare le scatole….se a questo aggiungiamo una proprieta’ sparagnina,e’ impensabile che uno che va via da Roma xche’ vuol vincere,venga qui a farsi prendere in giro dai fratelli Progetto&Plastici

  3. non ci fate la bocca perche spalletti non verrà mai a firenze finche ci sarà questa dirigenza e troppo ingombrante per corvino e gnigni

  4. e basta con questa ca….ta, non ci crede nessuno, perché continuate a pubblicare queste cose. Un giorno si e un giorno no con questa caz@@ata, non se può più!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*