Questo sito contribuisce alla audience di

Calcio Storico, ecco il verdetto dopo la sospensione della semifinale tra Bianchi e Azzurri

Arrivano aggiornamenti importanti per quanto riguarda il Calcio Storico Fiorentino. Dopo la semifinale di ieri, giocata tra Bianchi e Azzurri e sospesa dopo pochi minuti, quest’oggi si è riunita la commissione che ha deciso che la finale ci sarà e verrà disputata come sempre il ventiquattro giugno. A giocarsi la vittoria saranno i Rossi, vincitori della prima semifinale contro i Verdi, e i Bianchi, che hanno approfittato della mancata uscita dal campo degli Azzurri espulsi, per approdare in finale.

Ecco il testo della commissione: “L’Amministrazione comunale ha visionato tutte le immagini della semifinale del Calcio storico fiorentino disputatasi ieri tra Azzurri e Bianchi e ha letto attentamente tutti i referti arbitrali, che trovano perfetta rispondenza nelle immagini visionate. L’Amministrazione comunale ha deciso che la partita del 24 giugno si svolgerà tra la Parte Rossa e la Parte Bianca, nel pieno rispetto del regolamento. Ai sensi dell’articolo 9 comma 10 del regolamento è previsto che:

“Qualora il giocatore o allenatore o altro membro di squadra espulso, per qualunque motivo, si rifiuti di lasciare il terreno di gioco, nonostante il comando del Maestro di Campo, verrà decretata irrevocabilmente la interruzione della partita con sconfitta a tavolino del colore il cui giocatore, allenatore o altro membro della squadra espulso non abbia lasciato il terreno di gioco. Sarà inoltre comminata una sanzione economica euro 5.000 per ogni giocatore non uscito dal campo e la revoca del contributo annuale. Nel caso di recidiva nel biennio, la sanzione amministrativa sarà raddoppiata ferma rimanendo l’ulteriore revoca del contributo annuale. Nei casi più gravi sarà, altresì, disposta la revoca dell’assegnazione della sede. Il calciante non ottemperante sarà responsabile in solido con il colore fino alla concorrenza del 50% della sanzione pecuniaria”.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. Ma la polizia è la quinta squadra ?!?!?

  2. È un peccato che sia finita così, ma è giusto che gli azzurri siano stati squalificati. Il calcio storico rappresenta lo spirito fiorentino e le regole a Firenze sono uguali per tutti non come nel calcio italiano.

  3. gridate con me…w fiorenza!!!

  4. il foglionco di piano di mommio

    Non essendo di Firenze,posso dare solo un giudizio esterno al calcio in costume e come premessa aggiungo che non ho mai visto una partita dal vivo ma solo filmati. Non conoco le regole,e mi entusiasma soltanto il grande agonismo che viene speso in campo,ma di gioco strutturato ho visto ben poco,è evidente che sia predominante la prestanza fisica sulla tecnica e che i calcianti siano a tutti gli effetti più dei praticanti di arti marziali e pugili che di conoscitori del gioco.resta una tradizine,anacronistica, ma sempre una tradizione

  5. Basta con questo calcio storico! È tutta una scusa x autorizzare una rissa. Io sono nato e vivo a Firenze ma non l’ho mai potuto sopportare, vedere gente che entra in campo col solo scopo di “tirare” è squallido. X me o si ritorna a farlo con lo spirito giusto o sarebbe meglio abbozzalla con questa buffonata

  6. Tifolamagliaviola

    Il calcio storico e´un patrimonio di Firenze. Trenta o quaranta anni fa si vedeva ancora un minimo di gioco, violento ma comunque appassionante. In questi anni si vede invece un calcio piu’ vicino a un combattimento di varie arti marziali tra i calcianti che sono quasi tutti cinture nere, se non pugili o simili. Vincere la partita sembra esser diventato meno importante che dare il piu’ possibile legnate all’altra squadra … quelli che hanno pagato il biglietto per la partita di ieri hanno visto solo tensione e casino … io rifletterei se continuare su questa strada o ritornare ad un minimo di spettacolo che non sia il gonfalone o i cavalli

  7. Ribadisco i’ke ho detto ieri, è un vero peccato che sia finita così !
    Spero solo che questa storia nn lasci strasciki e che per una volta si guardi al futuro lasciando sulla rena i’ke l’è successo sulla rena.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*