Questo sito contribuisce alla audience di

Campolo: “Pioli era già allenatore a Firenze e poi fece un grande gesto verso di me. Bangu? Grande stagione ma…”

Ex protagonista della Fiorentina di inizio anni ’90, quella della ripartenza post retrocessione, Sergio Campolo (oggi responsabile del settore giovanile della Reggina) a Radio Bruno ha ricordato la figura di Pioli: “Con me arrivò a Firenze gente come Toldo, Robbiati o Tedesco: era l’anno della rifondazione, dopo un campionato incredibile, culminato con la retrocessione dopo il secondo posto del girone d’andata. Ricordo molto bene la sconfitta con l’Atalanta, perché ero già simpatizzante della Fiorentina e si cominciava a parlare anche di interessamenti nei miei confronti. Pioli? Ho un grandissimo ricordo dal punto di vista umano, quell’anno in Serie B c’erano lui, Faccenda, Luppi, tutta gente fondamentale per noi giovani. Stefano sembrava già un allenatore in campo, Ranieri lo spostò al centro anche se l’anno prima aveva giocato sull’esterno. E’ un grandissimo professionista. A Pistoia giocai con lui con un po’ di presenze in più. Al primo allenamento mi offrii spontaneamente di cedergli la fascia di capitano, in quanto lui aveva grandissima esperienza e un grande palmares. Davanti a tutti invece Pioli disse che se il mister aveva scelto me era giusto che la portassi io. Per me fu un grandissimo gesto. Bangu? E’ un po’ in difficoltà fisica, sta pagando un po’ il caldo però ha fatto un grandissimo campionato. Qualche anno fa lo segnalai io alla Reggina, eravamo in contatto con Semplici, che stimo tantissimo. Avrebbe bisogno di qualche annetto di Serie B o di qualche società non blasonata come la Fiorentina “.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*