Questo sito contribuisce alla audience di

Caos a Torino in piazza San Carlo, i feriti salgono a 1500

La Prefettura di Torino ha diramato un comunicato riguardo ai momenti di caos e panico generati da un falso allarme bomba in Piazza San Carlo, durante i quali sono rimasti feriti gravemente un bambino di 7 anni e una ragazza di 27“Circa i fatti accaduti ieri sera  in Piazza San Carlo a Torino durante la proiezione su maxischermo dell’incontro Juventus-Real Madrid, ove la folla presa dal panico e dalla psicosi da attentato terroristico, causati da eventi in corso di accertamento da parte dell’Autorità Giudiziaria, ha lasciato precipitosamente la piazza con danni causati dalla calca, le attività di soccorso poste in essere nell’immediatezza hanno consentito allo stato di medicalizzare 1527 persone di cui 1142 a Torino e le restanti negli Ospedali limitrofi. Destano maggiori preoccupazioni le condizioni di salute di tre persone in codice rosso fra cui un bambino ricoverato al Regina Margherita”.

“Nel corso di una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica convocato nella mattinata dal Prefetto con la Sindaca e i vertici delle Forze dell’Ordine è stato formulato un sentito ringraziamento a quanti hanno operato nella nottata per il soccorso. Proseguiranno inoltre le attività congiunte volte a garantire la piena fruibilità degli spazi cittadini, soprattutto in occasione dei numerosi eventi che contraddistinguono la nostra città”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Non sono necessarie altre leggi, basta far rispettare quelle che ci sono, le bottiglie di vetro non dovevano entrare, i petardi bomba non dovevano esserci. Quei petardi bomba a cui certe tifoserie è permessa troppa confidenza. Inoltre troppe persone in quella piazza inidonea in questo momento acontenere un evento del genere. Forse potevano aprire uno stadio di Torino.

  2. Tifolamagliaviola

    Ha ragione Re Leone. Comunque non capisco perche’ non abbiano fatto questa follia allo stadio della Rubentus, i tempi del maxi schermo in piazza con la gente briaca sono finiti per una ventina d’anni, basta un cretino che faccia scoppiare un petardo per scatenare un macello

  3. Walter imp I parlamentari c’entrano e come sono loro che fanno le leggi e mi pare che non sono sufficienti!!! La reazione di ieri notte é dovuta a gli attentati fatti in Inghilterra !!!,in Germania il festival rock am ring é stato sospeso x sospetto attentato!!!! Qui si parla si terrore dentro la gente

    Pensi veramente che in una situazione più tranquilla sarebbe successo quello che é successo ieri sera a Torino? ?? Nemmeno x idea serebbe passato tutto con semplice indifferenza e tranquillitá

  4. Sono pienamente d’accordo con Re Leone, cosa c’entrano i parlamentari, le leggi ci sono basta farle rispettare, i tifosi juventini come quelli romani e napoletani i petardi, che sono più bombe che petardi, li lanciano tutte le domeniche in tutti gli stadi come nulla fosse.
    Il problema è la mancanza totale di educazione e civiltà, inoltre la mamma degli idioti è sempre in cinta.

  5. qui i porci del parlamento come i porci parlamentari delle altre nazioni devono prendere provvedimenti una volta per tutte
    Non é piú vita!!! non si puó uscire di casa e avere il terrore di morire x colpa di qualche estremista É ORA DI FINIRLA!!!!!!

  6. Organizzare un evento importante come la visione di una partita davanti a un maxi schermo che viene seguita da 20 o 30mila persone va organizzata e curata nei minimi particolari..la sicurezza è prioritaria..tutti sanno che il pericolo maggiore è un pericolo o un falso pericolo che fa muovere le persone impaurito in maniera disordinata e confusa..ma in Italia ci si pensa solo e sempre dopo..poi entrano petardi che in questo momento sarebbero da evitare..bottiglie di vetro che non dovrebbero entrare..e il giorno dopo si fa la conta dei feriti..spero che qualcuno dei responsabili e il questore che ha organizzato l’evento almeno venga condannato almeno la prossima volta ci saranno più prevenzione e controlli..FV

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*