Capitolo attacco: Fiorentina, abbondanza non vuol dire certezza

Zarate Celta Vigo 2

Giuseppe Rossi ha salutato Firenze, e Jovetic non è arrivato come suo sostituto. Senza dubbio l’italo-americano sicuramente non era al vertice delle gerarchie di Sousa e la sua avventura con la Fiorentina era probabilmente arrivata al capolinea, ma il numero degli attaccanti viola è comunque diminuito. Tello è un calciatore da 4-3-3 e come esterno a centrocampo ha dimostrato di soffrire non poco e di incidere pochissimo. Zarate deve ancora giocare i suoi primi minuti a causa dei problemi familiari che lo hanno tenuto lontano dal campo, e la speranza è che torni motivato, benché non sia un momento facile per l’attaccante argentino. A questi si aggiunge Babacar, calciatore completamente da rigenerare e che mister Sousa ha fatto chiaramente capire non rientrare nelle sue idee tattiche e nella concezione che il portoghese ha del centravanti nella sua squadra: va detto che da parte del senegalese l’impegno non è mai stato eccessivo. Toledo è fuori condizione non giocando da molto tempo e ci vorrà pazienza per poterlo vedere in campo a buoni livelli. Il reparto avanzato è adesso imperniato su Nikola Kalinic, la vera certezza viola che per fortuna il mercato non ha portato via. Il suo fido scudiero Ilicic ha mostrato un atteggiamento positivo nelle prime due gare di campionato ma occorrerà che riesca a pungere sotto porta con continuità. Infine, Federico Bernardeschi; il giovane attaccante carrarino potrà finalmente far vedere cosa sa fare più vicino alla porta? Il dubbio è lecito, visto l’enigma fascia destra ancora irrisolto. Sousa avrà il suo bel da fare, ma siamo sicuri che saprà regalare soluzioni interessanti che possano giovare alla manovra viola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. SI ma è un termine provocatorio in quanto abbondanza a rigor di logica significa reparto completo ma tutti noi sappiamo che i tiri in porta rasentano lo zero. Sto parlando del fatto che è un termine fuori luogo, provocatorio appunto e non certo che abbiamo tanti attaccanti. Questo lo sanno pure i sassi.

  2. Appunto ! Assolutamente niente. Ne basterebbe uno di attaccante se solo tirasse in porta. Inutile utilizzare il termine abbondanza di giocatori quando si parla di attacco viola dunque. E’ fuori luogo.
    L’abbondanza c’è, è un dato di fatto. Punto. Redazione

  3. Ma quale abbondanza che non si fa un tiro in porta. Ma cosa scrivete !!! Ma chi è quel fenomeno che propone questi articoli ?!?!?!? Certo è proprio vero, in Italia il giornalista lo possono fare cani e porci.
    Ma che c’entrano i tiri in porta con il numero di giocatori che abbiamo in attacco? E’ una semplice addizione e che cavolo! Redazione

  4. Tanti attaccanti ma nessuno capace di buttarla dentro.il migliore è Kalinic ma più di 10 12 gol non fa.gli unici 2 capaci di segnare ROSSI e Gomez.sono stati dati via.ma io dico:almeno tenerne uno o almeno avessimo qualche centrocampista capace di segnare! bernardeschi.tello.vecino.boria valero.badelj ecc tutta gente che la porta non la vede x niente.solo Gonzalo Rodriguez la vede bene . propongo di metterlo come centravanti xche in difesa è stato quello che ha fatto più cappellate

  5. In attacco siamo messi malissimo! Tutti giocatori che non hanno spiccate doti di goleador!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*