Caro Bernardeschi, adesso è il momento di prendersi la Fiorentina

Ci tiene alla maglia viola, Federico Bernardeschi, e tanto, e anche le sue recenti parole lo hanno dimostrato. Il numero 10 viola è senza dubbio fra le note più positive della stagione. Tanti gol, prestazioni in crescendo e un ruolo da vero leader. ‘Berna’ non ha brillato nelle ultime uscite e tutti sanno che il ragazzo di Carrara può fare molto di più, e crescere ancora tanto. Il finale di stagione della Fiorentina è un momento importantissimo per mettersi in mostra e prendersi definitivamente la squadra viola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. Questo è un buon giocatore! Non vedo in lui le doti del campione inoltre è troppo narcisista, tiene troppo la palla pensando di nitrire invece raglia!

  2. Totale disaccordo con gli altri. Diciamo piuttosto che predica nel deserto. Lo vedrete altrove chi è berna purtroppo

  3. Berna ha fatto una partita di m…. Dribla, dribla, fa il fenomeno, ma i compagni non li vede. Spesso gioca per se stesso e risulta inconcludente. Comunque, detto questo, non possiamo gettare più di tanto la croce addosso su giocatori che hanno dei limiti evidenti. La squadra è questa, frutto di investimenti inesistenti e di una logica societaria incomprensibile proprio perché perdente. Mi chiedo cosa vogliano i DV da Firenze e dalla Fiorentina, cosa ci stanno a fare al comando di questa società se la loro è una logica in contraddizione con la loro stessa storia. Mi sa che quest’anno finisce la loro esperienza con questa strada e questa città. Ho questa forte sensazione.

  4. Ma di quale talento parliamo?!?!
    è solo un buon giocatore, tanto montato dalla stampa, basta!

    Senza andare a cercare i “mostri sacri”, ma limitandosi ai giocatori più “semplici”, Morfeo era un talento!!!

  5. Il tanto sbandierato “talento di Carrara” gioca bene una partita su sei quando gli lasciano campo libero, vedi Napoli. E ora gioca anche nel suo ruolo. Di sicuro sarà un bravo ragazzo, ma da lì a prendere la Fiorentina sulle spalle ce ne passa ! E’ l’ora di smettere di osannare e chiamare campioni questi giovani quando campioni non sono e ,forse, non diventerannio mai. Questo è il grande demerito della stampa, in generale, e di quella viola, in particolare : si ha bisogno di un mito, un idolo, su cui scaricare delle responsabilità che invece risiedono in altri luoghi : nella Società, nei DV, in Cognigni ed in Corvino. Buffoni, ridicoli, senza attributi : quale squadra si spera che possano generare ?

  6. Bernardeschi non si prenderà la Fiorentina sulle spalle per il semplice fatto che caratterialmente non è quel trascinatore e poi oltretutto tanto a giugno verrà ceduto per rimpinzare il portafoglio di Don Diego , questa proprietà è arrivata al capolinea la cosa più giusta è vendere lasciare in mano ad Antognoni la parte tecnica e vendere al più presto non è possibile continuare in questo modo .

  7. Un grande del calcio Italiano a sempre detto ” non dire gatto se non l’hai nel sacco ”
    e noi a Firenze dobbiamo dire ” non diciamo campione se ancora non lo è “.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*