CARO CORSI, LE SPIEGO PERCHÉ I PREZZI ALTI NON FANNO DI EMPOLI-FIORENTINA UN DERBY

Forse stavolta il presidente dell’Empoli Fabrizio Corsi non ha tutti i torti. E’ vero, se la Fiorentina fosse stata prima in classifica i tifosi viola avrebbero fatto buon viso a cattivo gioco ed accettato di pagare una pensioncina sgangherata come un hotel a quattro stelle. Una corsa scudetto varrebbe questo ed altro. Tuttavia con la sua affermazione Corsi ha fatto un clamoroso autogol. I tifosi viola avrebbero riempito le artigianali tribune del Castellani anche nel caso la partita fosse stata particolarmente sentita, ovvero come un derby. Se domenica non accadrà  è  proprio perché  Empoli-Fiorentina è  un derby solo nella testa di chi vorrebbe crearlo artificialmente al duplice scopo di attrarre spettatori e, soprattutto, brillare di luce riflessa. Derby è  un termine mutuato dall’Inghilterra e relativo ad una competizione ippica di grande rilievo. Il calcio nostrano lo ha adottato per sottolineare partite particolarmente sentite dai tifosi. Regole codificate per classificare una partita come derby non ne esistono, ma è  ovvio che lo scontro fra due compagini di una stessa città merita oggettivamente questo appellativo. Però  si può  andare oltre. C’è il “derby d’Italia” tra Juve e Inter, due squadre che raccolgono oltre il 50% dei tifosi e che spesso sono in lizza fra loro per il titolo. Si possono accettare derby extra regionali come quello dell’Appennino tra Fiorentina e Bologna, squadre con pari blasone e città di simili dimensioni. Via libera anche per derby nella stessa regione come quelli tra Atalanta e Brescia o Catania e Palermo. In quest’ultimo caso alla rivalità  calcistica si affianca quella per la supremazia regionale, indipendentemente da quale sia il capoluogo stabilito per legge. Arrivando  in Toscana sono derby doc Pisa-Livorno, Massese-Carrarese, Prato-Pistoiese. Insomma i requisiti perché una partita possa fregiarsi del termine derby devono essere: o una consolidata rivalità calcistica (quindi fra società  con curriculum simile); oppure una contrapposizione alimentata almeno dalla storia (la Toscana dei comuni). Soprattutto il derby lo certifica il sentire comune dei tifosi, e non certo da una sola parte. Ecco, mi dispiace per il presidente Corsi e l’entourage azzurro, che da qualche anno tentano di sollevare polemiche con Firenze e la Fiorentina per accreditarsi come autentici rivali, ma la partita di domenica è tutto fuorché un derby per mancanza assoluta di requisiti. E alzare il prezzo dei biglietti non servirà a comprare il titolo, come faceva un tempo chi cercava improbabili quarti di nobiltà.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

20 commenti

  1. Hai ragione Mario 25 euro per il formaggino sono veramente pochi io li metterei a 50 euro!!!! Il Presidente vuole ripagarsi lo stadio dell’Ikea ha sbagliato tutto come sempre io come ho fatto lo scorso anno la vedrò in tv

  2. Secondo voi 25 euro nel fomaggino vi sembrano equi? 30 euro a empoli saranno anche parecchi ma la partita la vedi a Firenze no. Poi se ne spendi 25 per andare a Frosinone francamente più viaggio il resto del commenti si trae da solo.Buona partita e non derby…..@

  3. lucabilly1963, da Atene, Grecia

    Corsi e` un personaggio davvero scostante. Non mi garba per niente e mi ricorda in tutto il contado e I complessi d’inferiorita` che questo ha sempre avuto verso il capoluogo in tempi repubblicani o capitale in termini granducali e reali. Se continua cosi’ Corsi rovinera` anche la simpatia che tanti Viola, come me, hanno per l’Empoli.

  4. Caro Michele da Milano, significato della parola derby da Wikipedia :

    Nel corrente utilizzo giornalistico e popolare, si definisce derby una partita di calcio giocata tra due squadre della stessa città. Per estensione, il termine derby può poi venire utilizzato per riferirsi ad un incontro molto sentito fra squadre con accese rivalità agonistiche O CHE APPARTENGONO A UNA COMUNE ENTITA’ GEOGRAFICA.

    Se conosci la geografia ti renderai conto che è un derby a tutti gli effetti anche se loro sono, come importanza mediatica e sportiva, poco più di niente.

  5. Premetto che l’Empoli per me è una squadra simpatica.
    Anche se ovviamente, da tifoso viola, mi di primo acchito mi infastidiscono le polemiche di Corsi sulla Fiorentina.
    È chiaro pero’ che si tratta per il presidente dell’Empoli di vivere di luce riflessa. E anche su questo non possiamo che apprezzarne la bravura e la competenza. Del resto se la squadra di una città che ha gli stessi abitanti di Sesto Fiorentino è quasi stabilmente tra la A e la B, non sarà perché son bravi, Corsi compreso?

  6. Michele da Milano

    Massimo ma quale derby? Ma per piacere!

  7. Mai sentito una sequenza di scemenze come queste.
    Il Corsi fa questi prezzi perché sa benissimo che con Juve Fiorentina Inter e Milan, fara sempre il pienone, quale miglior occasione per i tifosi toscani di queste squadre ( sono tantissimi )per farsi una trasferta sotto casa ?
    Non ho dubbi sul fatto che anche senza la presenza di Unonoveduesei, il settore ospiti sarà pieno e comunque caro Matteini questo è un derby a tutti gli effetti, anche se vuoi fare il superiore, anzi se ragioni così pensa un po’ a quanto siamo ridicoli noi perché sentiamo la rivalità con la Juve e loro non ci cagano nemmeno.

  8. Finalmente. …Complimenti per l’articolo!

  9. Questi, quando la Fiorentina di Vittorio falli, si portarono via mezzo settore giovanile. Società di sciacalli, che pensano di essere furbi solo loro. Se levi poche eccezioni, i giocatori loro, vanno bene solo per piazze simili (Parma e Udine) dove la pressione ambientale è pressoché zero. In piazze più importanti si squagliano. Sono polli da batteria.

  10. o TotoViola, ma quale mercato bilaterale. L’Empoli non ci ha mai venduto un giocatore, anzi ci ha sempre usato per alzare l’offerta per vendere agli altri. E tu vorresti leccare i piedi al Corsi di turno perchè magari poi forse ti vende Mario Rui o quel fenomeno di Tonelli che un anno fa infamava il nostro Borja Valero e tutta la Fiorentina sui social? Ma un po’ di sano vecchio orgoglio fiorentino c’è rimasto oppure no?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*