Caro Vargas, faremo bene a rinunciare a te?

Vargas Dinamo Kiev

Vargas Dinamo Kiev

Il saluto “sentito” da parte di Juan Manuel Vargas a Firenze ed alla maglia viola ci suggerisce un’ultima riflessione su quello che probabilmente è stato l’addio a parametro zero più controverso di questa complessa estate. Il peruviano, grazie a Montella ma anche ad una vera e propria maturazione, stava vivendo una sorta di seconda giovinezza e anche facendo a meno delle sgroppate pazzesche di qualche anno fa si era rivelato comunque una pedina sempre pronta all’uso. Oltretutto alla rosa di Paulo Sousa sembra proprio mancare un esterno mancino alto, in grado di dare il cambio a Bernardeschi e Joaquin ma anche a Rebic (sempre che il croato non vada in prestito). Vero è che il contratto di Vargas era di quelli pesanti, essendo giunto nel 2008 da vero e proprio top player, dopo una stagione super a Catania. Allungarlo però di uno-due anni, a cifre logicamente più consone all’attualità, poteva risolvere un bel problema alla dirigenza gigliata, che a questo punto si troverebbe una lacuna in meno da coprire ed un calciatore affidabile, oltre che duttile ed utilizzabile in almeno tre ruoli.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

34 commenti

  1. Vargas se è motivato è ancora un ottimo giocatore…

  2. In mancanza di comunicati ufficiali della società’ mi sento di scrivere un grazie speciale a j m vargas giocatore di talento potenza e grande cuore!!
    Personalmente mi mancherà e avrei voluto che restasse almeno un altro anno a Firenze!
    Loco resterai sempre nei cuori dei tifosi viola buena suerte!!!!

  3. xò un applauso alla classe di Vargas, Gomez e Aquilani..
    sono stati tre signori…
    la lettera di ringraziamenti dovevamo farla noi, non loro…

  4. nessun rimpianto, pensiamo a chi abbiamo e a chi avremo!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*