Caso Montella: La Fiorentina non ci sente. O Ferrero caccia i soldi o non se ne fa niente

Cognigni Parma

Il ‘Caso Montella‘ è in una fase di impasse. La Fiorentina non ci sente e continua a richiedere alla Sampdoria il pagamento dell’intera clausola rescissoria, pari a 5 milioni di euro circa. E’ questo quello che ha ribadito il presidente esecutivo, Mario Cognigni all’avvocato Antonio Romei, uomo di fiducia del patron della Samp, Massimo Ferrero, per tutta la giornata di ieri. Non si tratta di una preclusione nei confronti dei blucerchiati, ma di una questione di principio che i Della Valle, per interposta persona, vogliono che sia mantenuta fermamente. In questo senso c’è da dire che i viola non hanno arretrato nemmeno di un millimetro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

15 commenti

  1. SARA’ IL NOME MA SONO D’ACCORDO CON TE MARCO!!!

  2. Montella non andra alla Samp. Pero ricevera lo stipendio pari a 1.7 ml a stagione … Come da contratto!!!!

    irpef e stipendio x due stagioni fa 6.8 ml
    E i ssgg DV pagheranno con piacere
    Prima i comunicati adesso pugno fermo ….. Montella Neto. Monteolivo …. Chi piu ne ha piu ne metta
    AmShalabin!!!

  3. Questa volta ha ragione la Società. Se lui stesso ha voluto la clausola, adesso se la tiene e chi lo vuole deve cacciare i soldi (se non tutti certamente non l’elemosina del “viperetta”) E’ chiaro che accetare la Samp è solo una transizione verso lidi più ambito nella prox stagione. Anche un bimbo dell’asilo lo capirebbe.

  4. cosa c’è di certo sul pianeta terra ? Due cose. La prima è che il sole nasce ad oriente e va a letto ad occidente….la seconda è che Montella va alla SAMP per sei mesi soltanto per togliersi il cappio ( che lui stesso ha cercato ) sperando a giugno di accasarsi a Milano ( rossonera ) , juventus o anche roma ( se non vince lo scudetto è chiaro che garcia viene silurato ). Eh…caro vincenzino, fosse per me neanche per 4 milioni e 999 mila euro ti permetterei di andartene. CHE PERSONAGGIO !

  5. Ci dovete pagare sennò non se ne fa di nulla.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*