Caso Zarate, la Fiorentina: “C’è incredulità e rabbia per la respinta del ricorso”

La Fiorentina non ha preso affatto bene la decisione da parte della Corte d’Appello di non ridurre la squalifica a Mauro Zarate, e ha emesso di conseguenza il seguente comunicato:

“Abbiamo appreso con stupore e rabbia quanto deciso dalla Corte Sportiva di Appello, ossia di respingere il ricorso per la riduzione della squalifica al nostro calciatore Mauro Zarate a seguito della sanzione in occasione della gara Fiorentina-Inter del 14 febbraio u.s. Il reclamo presentato dalla Fiorentina si è basato sulla corretta interpretazione del rapporto di gara, il cui contenuto, correttamente valutato anche alla luce dell’unanime indirizzo giurisprudenziale della Corte Sportiva d’Appello (tra cui ad esempio: Comunicato Ufficiale Giudice Sportivo n. 64 del 27/10/2013 – Comunicato Ufficiale n. 194 del 22/04/2013 – Comunicato Ufficiale n. 116 del 24/01/2011) in casi assolutamente analoghi se non più gravi, non poteva che portare – a nostro parere – a una conseguente riduzione della squalifica da tre a due gare.

Ci lascia increduli anche la circostanza che non sia stata data alcuna considerazione al fatto che il gesto posto in essere da Zarate era stato determinato da condotte gravemente provocatorie (verbali e fisiche) poste in essere da ben quattro calciatori avversari che lo hanno circondato, spintonato e colpito (tanto da determinare l’intervento del guardialinee a tutela del nostro giocatore). Fatti, questi, che se in linea generale non sono e non possono essere idonei a giustificare “reazioni” (seppur nel caso di specie si trattava piuttosto di un gesto di “difesa” del nostro calciatore), avrebbero dovuto essere tenuti nella giusta considerazione per inquadrare il gesto nel contesto in cui si è verificato, connotato da intensa concitazione emotiva, vis agonistica e impulso competitivo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

47 commenti

  1. Grazie viola per l’indirizzo del giudice sportivo. Già scritto, scriviamo loro migliaia di email di protesta. Non serviranno a niente, ma basta silenzio. Dobbiamo farci sentire!

  2. forza proprietà,forza società, forza squadra e mister!! forza ambiente viola!! uniti per vincere alla faccia di chi ci vuole male!! non ci fermeranno mai!! basta col fair play!! ci vogliono gli attributi!!

  3. Per chi interessa ecco l’indirizzo del giudice sportivo:

    giustiziasport@legaseriea.it

  4. Tonelli ha preso 3 giornate!!! Non ha nulla a che vedere con la partita della Roma che era quella immediatamente successiva!! L’ammomizione di Saponara era sacrosanta ed è stato squalificato perché era in diffida visto che era alla quinta dico quinta ammonizione!!! Bastava una di meno!! Basta piangere e vittimismo!!! Si creano alibi alla squadra e società!!! Quando gioca la Viola gli avversari non hanno mai nessuno squalificato??????

  5. mauro d.o.c.g.

    non solo disparità di giudizio in campo ma un disegno malavitoso, una fitta ragnatela di episodi fuori, e negli altri campi, ammonizioni che si cumulano, ammonizioni mirate, piccole cose a cui si può non dar peso ma che in fondo ad una stagione incidono tantissimo. SONO DEI GRANDISSIMI PEZZI DI SUDICIO

  6. Che ce la tirano del brutto non ci sono dubbi, cercano di favorire la Roma in modo sfacciato, (vedi come ha ricordato qualcuno le 2 squalifiche pesanti x l’Empoli) però sono dell’avviso che le dichiarazioni fatte da Sousa dopo le 3 giornate inflitte sono state un’assist x questi delinquenti.

  7. TONELLI 3 GIORNATE DI SQUALIFICA E SAPONARA PARLANO CHIARO… PER FAR VINCERE LA ROMA… GUARDA CASO STRANO DOVEVA GIOCARE CONTRO L’EMPOLI. DIAMO CONTRO AI DV… ALMENO CI PRENDONO IN GIRO E CI RIDONO PURE SOPRA !!!!!!!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*