Questo sito contribuisce alla audience di

Cassano: “La generazione Bernardeschi non mi lascia tranquillo. Che colpi Borja Valero e Vecino”

Dopo l’addio al Verona, ad un passo dal ritiro, Antonio Cassano ha parlato a La Gazzetta dello Sport della nuova Serie A, partendo dal futuro dell’attacco azzurro affidato alla generazione di Berardi e Bernardeschi: “Se mi convince? No, nel 2003 quando arrivai in azzurro, gli attaccanti Cassano, Totti, Vieri, Del Piero e Inzaghi. C’è una bella differenza credo”. Quindi i complimenti all’Inter, di fatto per aver sradicato il centrocampo della Fiorentina: “L’Inter ha fatto un mercato intelligente, non aveva bisogno di Sabatini. Skriniar è un fenomeno, mi bastarono pochi allenamenti alla Samp per capirlo. Lui, Borja Valero e Vecino sono colpi di Ausilio“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Quello che rimpiango di più è proprio Vecino.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*