Questo sito contribuisce alla audience di

Cavalli: “Avevo un’idea per salvare la Fiorentina ma non mi permisero di attuarla. I Della Valle non hanno desiderio di vittoria sportiva”

Sempre con un altro post sul suo profilo Instagram il noto stilista e tifoso della Fiorentina Roberto Cavalli continua il suo sfogo sulla società viola: “A questi miei pensieri… mi sento rispondere “la compri lei…….” vorrei averne la possibilità…. gli ultimi anni della mia attività non sono stati favorevoli!… Cercai di aiutare il sindaco Domenici a superare il fallimento della “Fiorentina”… avevo in mente di raggruppare vari industriali tifosi e l’amore e la passione di tanti avrebbe potuto cominciare una nuova strada…. dopo gli incovenienti Cecchi Gori il sindaco non mi lasciò il tempo disponibile per organizzare una cordata di salvataggio….. dopo solo tre giorni venni a sapere dalla stampa, l’entrata dei Della Valle nel mondo viola. Una famiglia lontana dallo sport e da ogni desiderio di vittoria sportiva, si era fatta raggirare da sogni di costruzioni che nel seguito non si sono avverati…. vedi, il nuovo stadio! Il tifo non ha un solo colore, anche l’affetto per i giocatori lega ai sogni che ci trasciniamo da una domenica all’altra…. entriamo nella loro vita… e diventa una vera famiglia! I DV non capiranno mai questi sogni e quindi… desideri per il prossimo anno!!!! Ogni giorno, Nuove notizie di partenze e, i nostri giovani campioni diventano ogni giorno proprietà di squadre rivali….. non so quale sarà il finale di questa triste commedia, Peccato!!!!! Continuo a sperare e sognare! Ale viola”

 

 

Un post condiviso da Roberto Cavalli Official (@robertocavalli) in data:

© RIPRODUZIONE RISERVATA

29 commenti

  1. La tua disamina non fa una piega, purtroppo il problema è che non c’è la ressa degli acquirenti per la Fiorentina e temo che per lungo tempo ci dovremo sorbire i DV e il conseguente anonimato in campionato. Spero di sbagliarmi ma la vedo grigia.

  2. Ognuno ha quello che si merita nella vita, i D.V. hanno dei tifosi ingrati , noi abbiamo Iasciato la Viola in mano ai D.V., pero’abbiamo rischiato di avere Cavalli presidente.

  3. https://www.google.it/amp/www.ilfattoquotidiano.it/2012/03/23/vittorio-cecchi-gori-mi-hanno-anche-messo-la-cocaina-dentro-casa/199542/amp/. Leggete questo articolo contiene molte verità sulla viola fra le righe e di come purtroppo gli unici a pagarne le conseguenze siamo noi tifosi…

  4. Berni Berni non ti alterare troppo se continuo a dirti che per te e molti altri la Fiorentina e la proprietà è un problema politico! Marcetta??? Poi fatti dare pure l’Ip dalla redazione ma il tuo problema non è l’IP ma il QI! Saluti ai rosiconi e fate una opera buona , regalate un po’ di filler a Cavalli!

  5. Lenzuoli appesi, messaggii su internet ….tutti bravi a contestare così !…che leoni!!!

  6. Solo, parole povera FIORE tutti la vogliono nessuno la piglia, dopo DV il nulla. Se aspettavamo Cavalli avevamo risolto il problema (LA SCOMPARSA)

  7. CHI è IL SINDACO DI FIRENZE, LO SCARPARO A PALLINI O MATTEO RENZI? – L’ARROGANZA DEI DELLA VALLE “COLPISCE” ANCORA: così come Gozzini nel 2008 lasciò Domenici (dopo aver detto che il patron della Fiorentina avrebbe dovuto infilarsi il progetto di Cittadella Viola, megastadio e non solo, in quel posto), ora tocca a Barbara Cavandoli abbandonare la guida dell’assessorato allo sport… Un assessore che si dimette dall’incarico dopo polemiche con i Della Valle. Si era già visto a Firenze: così come Giovanni Gozzini nel settembre 2008 lasciò l’amministrazione Domenici (dopo aver detto che il patron della Fiorentina avrebbe dovuto infilarsi il progetto di Cittadella Viola, megastadio e non solo, in quel posto), ora tocca a Barbara Cavandoli abbandonare la guida dell’assessorato allo sport, causa un’escalation di tensione sempre con il club viola. La lettera di dimissioni di Barbara Cavandoli, una faccia nuova davvero nella politica della città, da sempre impegnata nell’associazionismo sportivo, forse meritava qualcosa di più. Anche perché l’ormai ex assessore ha scritto nero su bianco di non riuscire più “a vedere il sogno”, utilizzando alla rovescia una terminologia molto renziana…. Ancora sola di fronte a un’offensiva dei Della Valle contro il comune sulla gestione dello stadio (durata della convenzione e canoni d’affitto) e dei campi d’allenamento, con sullo sfondo l’irrisolta questione della Cittadella…. E alla fine si è sentita abbandonata anche dal sindaco, lui sì nel braccio di ferro con i Della Valle ci ha messo la faccia più di una volta, ma la realpolitik lo ha infine convinto ad accettare subito queste dimissioni e ad assegnare la delega allo sport al suo vice, Dario Nardella. Giovane quanto Renzi, ma non una faccia nuova, anzi. Non che tra lui e l’ex sindaco Leonardo Domenici corresse buon sangue, ma Nardella, nella scorsa legislatura presidente della commissione cultura, è l’uomo giusto per ritornare al tavolo con i Della Valle abbandonando l’ascia di guerra e ogni pretesa di accordi che non siano al ribasso per la città.

    http://www.dagospia.com/rubrica-4/business/chi-sindaco-firenze-scarparo-pallini-matteo-renzi-12519.htm

  8. Caro sig.Cavalli lei è solo un grandissimo chiacchierone……
    Purtroppo comè gran parte degli imprenditori fiorentini .

  9. Loro stanno aspettando di avere quello che gli fu promesso all inizio…visto che passano gli anni e ancora non hanno ottenuto quel che volevano,tra buche e fair play hanno fatto non uno ma tanti passi indietro e questa campagna “acquisti” e’ un modo trasversale per dire dateci quanto stabilito.Il calcio,la passione e il divertimento sono concetti estranei a loro,venuti qui solo in previsione di avere esclusivamente dei vantaggi personali e dove la Fiore era solo un mezzo per ottenerli

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*