Questo sito contribuisce alla audience di

CAVALLI CUOR DI LEONE

E bravo Cavalli cuor di leone. E’ a conoscenza da anni di obiettivi inconfessabili dei Della Valle, di possibili “intrallazzi”, ma, guarda caso, si sveglia solo ora e lancia i suoi strali. Non sarà che questo travaso di coraggio gli è venuto visto il momento di difficoltà dei fratelli marchigiani sulla piazza di Firenze? La loro popolarità e sul ciglio del baratro e Cavalli cuor di leone prova a dare la spinta risolutiva. Non solo. Nelle sue esternazioni chiama in causa anche “l’allora sindaco”, ovvero Domenici. Certo, meglio evitare un attacco diretto quando era in carica come primo cittadino di Firenze. Oggi che è relegato a Bruxelles e fuori dai riflettori c’è poco da temere. “Allora” invece… Mai inimicarsi chi detiene le leve del potere, ci mancherebbe. Stucchevole chiedersi dov’era Cavalli cuor di leone quando la Fiorentina evaporava nel fallimento. Fra le “colpe” dei Della Valle c’è anche quella di aver messo in luce il disinteresse dei più importanti e facoltosi imprenditori di Firenze per il dramma sportivo che stava vivendo il mondo viola. Troppo comodo attendere che i colonizzatori marchigiani fossero in difficoltà nel rapporto coi tifosi per infierire. Si può essere stilista anche senza avere stile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

42 commenti

  1. Sei ridicolo e come al solito ignorante e inacidito non vedi la realtà, aspettiamo news dai tuoi insider asino

  2. Ma cavalli chi?sto personaggio si che ha usato la Fiorentina x i suoi scopi, ieri era un cane che ha lasciato senza cena 100 famiglie, risaniamo l’immagine pubblica criticano chi fa ciò a cui questo signore non può ambire, in modo da distogliere l’attenzione dalle sue marachelle…l’eroe dei contestatori

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*