Questo sito contribuisce alla audience di

C’è ancora tanta strada da fare per Gil Dias

Stefano Pioli in questo scorcio di stagione non ha esitato a dare spazio e minuti importanti a Gil Dias, 21enne portoghese arrivato in prestito biennale dal Monaco. Il ragazzo lusitano ha caratteristiche che si sposano con il 4-2-3-1 ma manca di continuità e concretezza nelle proprie prestazioni. Con l’Atalanta ha ottenuto la seconda maglia da titolare, senza lasciare minimamente il segno. Gil Dias mostra buona tecnica, ma non riesce ad incidere, ne’ sul piano dell’assist che su quello della finalizzazione. E’ tanta ancora la strada da fare per un calciatore che per la prima volta si confronta con un campionato ostico come quello di Serie A. Il prosieguo della stagione darà sicuramente l’opportunità al portoghese per sfoggiare le proprie qualità e provare ad imporsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Per me è forte, dategli tempo de vedrete…

  2. Ha fatto bene fin ora perché leggo articoli che criticano i nostri giocatori ? Gaspar diaz veretout e questi nuovi mi sembrano ottimi giocatoririspetto ai precedenti.

  3. lento? un piede solo?
    Berna ha un piede solo e Joaquin anche
    e poi domenica se era proprio da insufficienza lo avrebbero tolto prima della fine….evidentemente ha fatto quello che l’allenatore voleva da lui.
    E’ un bel giocatore e presto (prima di Natale) sara’ al livello di Joaquin

  4. Ragazzo di 21 anni.
    Primo anno in Italia.
    Si allena da un mese in una squadra da assemblare.
    Cosa si pretende?
    Siete buoni solo a criticare.

  5. L’emblema della mediocrità: lento e con un piede solo.
    Si è fatto tanto il muso lungo con Tello, ma almeno correva e giocava con due piedi. Scusate se è poco!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*