C’è solo la Fiorentina sulla strada… della Fiorentina

La delusione sul volto di Kalinic. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

“Vorremmo ripetere la partita del Crotone a Firenze”, con questo auspicio il vice presidente rosanero Micciché ha anticipato i temi di Fiorentina-Palermo: un match sicuramente proibitivo per la squadra di Corini e proprio per questo paradossalmente insidioso per quella di Sousa. I viola non vincono in casa da oltre due mesi (era il 18 settembre) e di scivoloni casalinghi ne hanno collezionati diversi: quello con il Crotone risale a poco più di un mese fa, con un 1-1 acciuffato per i capelli da Astori nei minuti finali. Chiari l’intesto e la speranza siciliani di strappare almeno un punto ma in quella gara ci furono anche diversi fattori condizionanti, non ultimo il nubifragio che causò la sospensione della partita: se la Fiorentina farà la Fiorentina invece il risultato dovrebbe sorriderle. La squadra di Sousa è padrona del proprio destino e, di fatto, deve temere solo se stessa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. Le disattenzioni e la leggerezza con cui hanno approcciato le ultime due gare ( Paok e Inter ) non è l’atteggiamento giusto per dei professionisti di serie A. Devono immediatamente capire che quando scendono in campo devono mettere i paraocchi ai cattivi sentimenti e spingere finchè hanno fiato in corpo. Genoa docet.

  2. Non esiste non vincere. Il freno se lo stanno imponendo da soli il mister e la squadra.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*