Questo sito contribuisce alla audience di

Ceccarini: “La Fiorentina per Kalinic esige garanzie in modo rapido. Siamo al punto di partenza: se Milan non va incontro ai viola…”

TMW Radio, ha parlato l’esperto di mercato Niccolò Ceccarini, facendo riferimento alla trattativa Kalinic-Milan: “Kalinic? La trattativa si è arenata sulle modalità di pagamento e su determinate garanzie economiche che la Fiorentina vuole ed esige in maniera molto rapida. Siamo al punto di partenza, non c’è accordo su questo aspetto e per ora la situazione è ferma. Se il Milan non va incontro alle esigenze della Fiorentina diventa difficile. Aubameyang? Se arriva Kalinic per me faranno ancora un attaccante. Potrebbero ricorrere all’extra budget per andare a prendere la punta internazionale che potrebbe essere proprio il gabonese”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

20 commenti

  1. Claudio, chiunque facendo lo sforzo di documentarsi, può leggere ciò che ho letto io, anche te.
    Poi per carità se vuoi continuare a fare il boccalone e prendere per oro colato quello che ti raccontano, liberissimo.
    Si vuole fare la tirata quslunquistica del calcio rovinato dai procuratori brutti e cattivi ? Falla ! Poi magari fai la fatica di guardare chi è il procuratore/intermediario di Kalinic, scopri che è Ramadany e ci rimani male, caro il mio boccalone.

  2. FENOMENALEEE!! Come sempre se ora una società che ha ipotecato tutto e tutti, lo scrivono i giornali, (strano ma ci sono ancora degli antidiluviani che fanno ciò) e vuol comprare un nostro giocatore con ancora 2 anni di contratto interpellando anche Findomestic, se l’affare non va’ a buon fine, di chi sarà la colpa secondo le fantascientifiche teorie di pochi pseudo tifosi?? Ma della società Viola!! Quando si dice essere tifosi…..

  3. quoto SO al Cento per cento

  4. S69 soffri sempre di diarrea è appena tu è possibile defechi su lafientina cioè sui sui dirigenti !cio ormai mai non mi schifa più , ciò che mi fa andare in bestia è che hai la faccia tosta di dichiararti tifoso Viola. Ma falla finita gobbo strisciato.

  5. Antonio, questo cinese pesa un paio di miliardi di euro. Il problema è che la Cina è un paese ancora nn economicamente “globalizzato”, per cui, i meccanismi che permettono di spostare denari fuori dal paese sono soggetti al vaglio statale (il che comporta una notevole faraginosità).
    L’istituto internazionale che gli ha prestato 300 milioni al 7%, nn credo sia uno sprovveduto (a me o a te nn li avrebbe prestati), ma nello specifico il problema sul pagamento di Kalinic è tutto italiano.
    Come hanno riportato tutti i quotidiani sportivi, dopo gli affari Biglia e Bonucci, gli istituti nazionali hanno chiuso i cordoni della borsa. In Italia se vuoi avere credito (anche sotto forma di fideiussione) devi dare roba tangibile in garanzia e questo ha già “ipotecato” tutti gli asset possibili (la sede del Milan, milanlab ecc. ecc.) per gli acquisti già fatti, per cui, fino a che nn rientra denaro, nessun istituto nazionale gli garantisce un tubo.
    Quello che dico io, è che se sta roba è stata pubblicata sulla Gazzetta, possibile che Corvino nn la sapesse ?
    Altra cosa, l’intermediario/procuratore di Kalinic è tal Ramadany (ti dice nulla questo nome ?).
    Per conto mio, questa vicenda ha del paradossale e come al solito, qualcuno nn cela racconta giusta.

  6. Per S69
    Questo Yonghong Li nessuno sa chi sia ne come è uscito fuori. Non lo conoscono nemmeno in Cina. Quello che si sa è che ha preso in prestito da una finanziaria americana 300 milioni ad un tasso del 7%. Questo significa che per rientrare del debito deve vincere per 3 anni di seguito, scudetto e Champion. Intanto vediamo se l’album della Panini che hanno messo su, con un allenatore che non è un fenomeno, riesce a farlo già quest’anno. A parer mio Corvino fa benissimo a impuntarsi per le garanzie. Perché dovrebbe sottostare ai diktat di un calciatore che da oltre un mese ha dichiarato di aver chiuso con la Viola…..AVENDO ANCORA 2 ANNI DI CONTRATTO?

  7. Qui de cazzaro ce stai solo tu. Dalla mattina alla sera. Ma a donne come stai? Male, hè?

  8. Bravo la penso come te

  9. Antoni – Roma , fai un bel bagnetto nel Tevere cosi ti rinfreschi e smetti di scrivere *******…………

  10. A volte bisogna essere un po’ bastardi. Vi sorprenderò, ma i Della Valle, prescindendo dal loro stucchevole permalosismo, si sono mostrati imprenditori seri, collocando la AC Fiorentina in modo STRUTTURALE fra i primi 30 club europei in un mix di valori calcistici ed etici. Per soli tali motivi, dovrebbe andare loro, cmq, la riconoscenza del popolo viola . La AC Fiorentina è diventata un paradigma da seguire per avere un calcio più sano e pulito, dove, a prevalere, dovrebbero essere gli aspetti sportivi e quelli dell’ orgoglio dell’appartenere, a prescindere dai TITULI vinti. Beh, questa volta, cari Della Valle, proprio per essere coerenti con quei valori che in qualche modo ci avete trasmesso (…vi garantisco che sono moltissimi i tifosi che continuano a stare con voi) DOVETE FARE UN PO’ I BASTARDI e non è una contraddizione. NICOLA KALINIC TENIAMOCELO, ce lo possiamo permettere. Vedrete che dopo 2 mesi di tribuna e di allenamenti con la primavera si rimetterà a disposizione del Mister e tornerà ad essere il professionista che abbiamo conosciuto. Lui e Simeone sarebbero perfetti in un 3-5-2 e noi potremmo forse già iniziare a sognare senza aspettare il prossimo anno. La strategia societaria di ripartire con una squadra giovane e di buon talento è comunque intelligente perché in questo calcio impazzito è l’unico modo per continuare a rimanere ai livelli raggiunti.
    Quindi, se ci riuscite, cari ADV, ignorate i commenti faziosi e superficiali, teniamoci Kalinic e.. AVANTI COSI’….. IO STO ANCORA CON I DELLA VALLE!!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*