Ceccarini: “Sousa ha trasformato Borja Valero ma alla Fiorentina manca sempre mentalità vincente”

Del confronto tra Sousa e Montella si sta parlando ampiamente, soprattutto alla luce delle frasi del tecnico campano, a Radio Blu Niccolò Ceccarini li giudica così: “Mi sembrano due allenatori diversi come filosofia, Montella cerca di prendere per sfinimento l’avversario, puntando su un possesso palla esasperante. Sousa fa un calcio più rapido però ha cercato di sfruttare l’eredità lasciata da Montella perché ha visto le caratteristiche che la squadra aveva dopo tre anni di un certo tipo di calcio. Ha trasformato magari qualche calciatore, penso a Borja Valero che nell’ultimo periodo di Montella si era spento. A Genova non è giudicabile perché non è proprio la sua squadra e vorrei vedere se su altre piazze può ripetere quanto fatto a Firenze. Screzi con Borja? L’anno scorso Borja Valero non è che giocasse ai livelli di quest’anno, ma io penso che il problema sia di fondo: la Fiorentina non ha il dna vincente, i giocatori pur essendo ottimi non hanno l’abitudine a vincere. I casi delle giornatacce con Verona e Frosinone sono emblematici”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Sarebbe interessante sapere quanto credeva e crede realmente nel terzo posto la proprietà
    I giocatori si adeguano all’ambiente,tanto lo stipendio corre ugualmente

  2. Per battere il Verona o il Frosinone non occorre la società vincente. La verità è che non abbiamo giocatori che sappiano trascinare la squadra nelle giornate di scarsa vena.

  3. La mentalità vincente parte dall’alto, se la società si accontenta i giocatori si accontentano.PUNTO.

  4. Come il Cecchi e i’Bucciantini

  5. Il Cecca è uno degno di credito

  6. Manca la societa’…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*