Centrocampo a due o a tre? Vecino non ha dubbi

Uno dei (tanti) giocatori della Fiorentina che in questa stagione così negativa ha perso appeal e valore è sicuramente Matias Vecino. L’uruguaiano era finito nel mirino del Napoli di Sarri, che l’ha allenato ai tempi dell’Empoli e lo avrebbe rivoluto per il centrocampo a tre dei partenopei. Corvino però, ha tenuto duro la scorsa estate, facendo capire l’importanza del giocatore nel progetto Fiorentina. Nel 3-4-2-1 di Paulo Sousa però, Vecino ha sempre giocato da centrocampista centrale, il più delle volte accanto a Badelj, in una posizione nella quale non può esprimere al meglio le sue qualità perché limitato da troppi compiti di copertura. L’ex Nacional infatti, è una mezzala bella e buona e dà il meglio di se in un centrocampo a tre: la dimostrazione di ciò l’abbiamo ottenuta nell’ultima partita della scorsa stagione contro la Lazio, quando Sousa schierò finalmente la sua Fiorentina con un centrocampo a tre e Vecino segnò una doppietta. L’auspicio dell’uruguaiano è che il futuro tecnico della Fiorentina (qualcuno ha detto Pioli?) basi la sua idea di gioco sul 4-3-3, così da essere finalmente in grado di esprimere al meglio le sue qualità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. L auspicio.e che quindi finalmente CORVINO prenda un terzino destro e uno sinistro che sappiano fare benino…dire bene mi sembrerebbe esagerato visto come siamo messi adesso …tutte è due le fasi…mi sembra di capire che tutti dicono che per far tornare tutti i giocatori nel loro vero ruolo sia quello di rigiocare con una difesa a 4 ..pero fino asesso pur di dare addosso a Sousa nessuno si è accorto e ha anmesso che la difesa a 4 lui non la poteva proprio fare

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*