C’ERA PROPRIO BISOGNO DI ANTICIPARE LA MEZZANOTTE E FARCI RITORNARE SGUATTERI?

Sconcerto. Non discuto il valore dei giocatori acquistati dalla Fiorentina al mercato dell’ultima ora. Benalouane con la maglia viola potrebbe trasformarsi in Beckenbauer e Kone ricalcare le orme di Matthaus. Non rimpiango Mammana, la cui esistenza ignoravo fino a qualche giorno fa, e neanche Lisandro Lopez, tanto meno Mexes. Non mi turba uno Zarate arrivato a Firenze in cerca di rivincite, un Tello che spera nel rilancio, un Tino Costa deciso a dimenticare i guai fisici. E voglio sorvolare sul fatto che in cinque non mettono insieme in questa stagione il minutaggio di un solo titolare. Almeno non saranno stanchi. No, quello che mi sconcerta, e che ritengo sia sentimento condiviso da molti tifosi viola, è lo svolgimento quasi surreale del mercato, soprattutto le ultime trattative: quelle andate a buon fine e quelle saltate non si sa bene perché. Spero che nessuno “in Fiorentina”, come odiosamente usano dire alcuni dirigenti, si meravigli se i tifosi non brindano e non sprizzano gioia, ma anzi mostrano un certo disappunto.

Faccio un ragionamento terra terra. In caso di pochi gol segnati si accusa l’attacco. Se le reti subite sono troppe si crocifigge la difesa. Se il gioco non è fluido si incolpa il centrocampo. E se vengono intessute trattative complesse, con un bel giro di soldi in ballo, che dovrebbero portare giocatori di buon livello e alla fine non si conclude niente e si deve ripiegare su seconde, terze e quarte scelte, a chi si deve tirare le orecchie? Richiamo l’attenzione su alcune parole di Sousa, pronunciate nella conferenza stampa pre Genoa, che chiunque può riascoltare: “La società deve analizzare, deve spiegare. Come la proprietà deve giudicare”. Questa distinzione tra società e proprietà non pare casuale. Il tecnico invita il “padrone” a dare un giudizio sull’operato della propria struttura. E’ evidente che lui l’ha già dato. E, pur non conoscendolo, mi sento di condividerlo. Terzi e scontenti, sembra un paradosso. E’ invece il sintomo che la tifoseria non chiede qualcosa di più alla squadra né a Sousa, ma alla famiglia Della Valle. E non parlo tanto di soldi quanto della condivisione di una passione.

La Fiorentina non è squadra strutturata per vincere lo scudetto, ne siamo tutti consapevoli. Nessuno si fa illusioni. Tuttavia in un campionato anomalo, come l’attuale, era riuscita a far germogliare un sogno impossibile. Lo si poteva innaffiare, concimare, proteggere. Si è scelto di riportare tutti alla dura realtà. I sogni son desideri chiusi in fondo al cuor, come canta Cenerentola-principessa prima di ritrasformarsi in sguattera con accanto una zucca anziché la carrozza. C’era proprio bisogno di anticipare la mezzanotte?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

36 commenti

  1. Pensa per te se vuoi scendere in piazza fallo pure, portati l’elmetto può servire

  2. Articolo senza senso e destabilizzante,serve solo a creare acredine oggi che gioca la squadra e serve solo incoraggiamento

  3. Già. Badeli lo scorso anno era un bidone troppo lento per il campo nato italiano.Ilicic andava venduto lo scorso anno al Bologna. Astori un bidone inaudito. Marcos Alonso lo avreste accompagnato a piedi al Sunderland la scorsa estate. Vecino un anno fa se lo davamo via a 3 milioni per i tifosi era un’ottima plusvalenza. Via Cuadrado via arriva Salah apriti cielo. Via salah riapriti cielo……che intenditori. Sparatevi

  4. Come al solito il TUTTOLOGO CALAMAI scrive articoli per non dire niente anche in questo caso da un colpo alla botte e uno al cerchio.
    Allora te lo dico io i tifosi come l’allenatore si sono rotti i ********* di essere presi per il …. e basta con questo ricatto/paura di manifestare perché loro…la potrebbero prendere male.
    Da oggi bisogna ritirare fuori ls.nostra FIORENTINITA e fargli capire una volta per tutte che noi ci sa padroni e se ce da INFAMARLU va fatto o poi la prendano un po’ come vogliono vorrà dire che non si vincerà niente per altri 15 anni ma avremo la nostra DIGNITÀ.

  5. Incredibile come i toy boy di DV saltino addosso ad ogni giornalista che fa una cronaca reale di quello che è successo. Matteini è stato abbastanza leggero nella disamina della situazione ma loro subito sono corsi ad attaccarlo in difesa del loro padrone. Ha ragione Beha, la fiorentina passa, i DV restano…

  6. X VINAIO La qualità del vino che bevi è direttamente proporzionale alla qualità dei giocatori arrivati

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*