Questo sito contribuisce alla audience di

Cercando il nuovo Gonzalo: ecco DIECI difensori che fanno al caso della Fiorentina

Mateo Musacchio, difensore del Villarreal

Il futuro della difesa della Fiorentina è un tema caldissimo. L’addio pressoché certo di Gonzalo Rodriguez porta la squadra viola alla ricerca di un nuovo leader del reparto arretrato, da affiancare ad Astori, nella difesa che verrà. Serve un calciatore importante, affidabile e di qualità, di prospettiva o più esperto: è necessario che possa offrire immediate garanzie. Le garanzie si pagano care, e non sarà un’operazione facile e a cuor leggero. Vediamo ora dieci calciatori che possono fare al caso della Fiorentina:

Mateo Musacchio 26/08/1990 Villarreal:- L’argentino è un difensore di grande temperamento e classe, in grado di giocare sia in una difesa a 4 che a 3. Piede educato, tempi di gioco perfetti. Calciatore importante, e questo va di pari passo con una valutazione importante.

Milan Skriniar 11/02/1995 Sampdoria:- Ecco un nome per la prospettiva. Sta vivendo una stagione da protagonista alla Sampdoria, ed ha conquistato la nazionale slovacca. Mancino, forza fisica straripante e dominatore del gioco aereo. Ragazzo interessante.

Uros Spajic 13/02/1993 Anderlecht:- Centrale promettente, le migliori cose finora le ha fatte vedere da centrale di una difesa a 3, ma a 4 gioca senza problemi. Veloce e reattivo, grande leader difensivo, bravo in impostazione e nel gioco aereo. Profilo da seguire.

Kurt Zouma 27/10/1994 Chelsea:- Ragazzo di sicuro affidamento, già in possesso di esperienza, internazionale e non, accumulata con la maglia dei ‘Blues’. Al Chelsea è chiuso da una concorrenza insuperabile, ma visto il feeling fra Fiorentina e Chelsea…

Ruben Semedo 04/04/1994 Sporting CP:- Centrale di piede destro, forte di testa e in impostazione, tanto che all’occorrenza ha giocato anche davanti alla difesa. Calciatore di ottima qualità.

Semih Kaya  24/02/1991 Galatasaray:- Titolare inamovibile della nazionale turca, è un difensore centrale elegante e dotato di buon piede e di grande elevazione. Intensità eccellente in campo, gioca anche come centrodestra in una difesa a 3.

Fabian Schar 20/12/1991 Hoffenheim:- Non sta trovando grande spazio all’Hoffenheim in questa stagione, chiuso da Sule e Hubner, e potrebbe essere un’ottima occasione. Schar è una colonna della sua Svizzera, ed è un difensore dotato di personalità e qualità. Bravo in marcatura, è una minaccia quando si spinge in avanti, e calcia bene pure i rigori.

Armando Izzo 2/03/1992 Genoa:- Forza fisica, grinta e buon piede le qualità più importanti del difensore partenopeo. Si integrerebbe molto bene con Astori, ma sa agire anche in una difesa a 3, ruolo che occupa stabilmente. Ragazzo da monitorare con attenzione.

German Pezzella 27/06/1991 Betis Siviglia:- Cresciuto nel River Plate, è un difensore forte fisicamente e di buona qualità tecnica. Giusto mix di ‘garra’ ed esperienza, perfetto come centrale in una difesa a 3.

Robin Knoche 22/05/1992 Wolfsburg:- Molto alto, ma longilineo, ha un piede di grande qualità a dispetto della stazza. Palla al piede è sempre a suo agio. Grande senso della posizione e abile nella lettura del gioco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. Il migliore dei sopracitati è Germania Pezzella

  2. Non avete citato il migliore cioè German Pezzella

  3. Per prendere un buon difensore ci vogliono diversi soldi…
    Noi siamo sempre a lottare con il Fair play di bilancio e non si sa come mai siamo sempre in rosso…
    Che tristezza…
    Con questa linea di condotta non si fanno squadra che abbiano un minimo di ambizione.

  4. Fraddiavolo, se non la vuoi chiamare minestra riscaldata chiamala novella dello stento che dura tanto tempo e non finisce mai. Sono quei tipi di calciatori il cui nome ricorre in continuazione,come l’altro difensore del Benfica,ed alla fine rimangono sui coxxxoni proprio per hè non arrivano mai. Chi visse sperando morì sul water!

  5. L’articolo è interessante perché in quasi tutti i casi si parla di giocatori di calcio. Gente “vera”, questo dovrebbe essere il minimo sindacale che una tifoseria come la nostra dovrebbe pretendere.
    Altrimenti le parole come “rivoluzione” e “fine ciclo”, sarebbero solo surrogati della vera definizione: ridimensionamento !

  6. Se non lo squalificano, Izzo sarebbe un ottimo acquisto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*