Questo sito contribuisce alla audience di

Che la triplice sfida cominci

Che la triplice grande sfida contro gli acerrimi rivali abbia inizio. Ricomincia oggi alle 14 il campionato della Fiorentina Primavera ed è subito un match di cartello per i ragazzi di Semplici, che fanno tappa a Vinovo per affrontare la Juventus, alias corazzata del girone A con 32 punti, 5 in più dei gigliati, in occasione della prima giornata di ritorno, prima del duplice impegno, sempre in gennaio, nelle semifinali di Coppa Italia. Non poteva mancare anche stavolta la copertura tv su Sportitalia, proprio come all’andata, quando una rete su punizione di Babacar decise il match. Semplici non potrà contare stavolta sul senegalese, non tanto perché aggregato in prima squadra ma ancora alle prese con dei problemi ai muscoli addominali, ma potrà contare sul rientro tra i pali di Lezzerini dopo il trauma contusivo nel ritorno degli ottavi di Coppa Italia contro l’Inter. L’obiettivo dei baby viola è quello di scalfire ancora la corazzata di Baroni, caduta nel girone d’andata solo al Poggioloni, per poi inanellare una striscia positiva di 10 vittorie e 2 pareggi. Un vero e proprio scontro diretto che vale ben più dei tre punti, per far sentire ai bianconeri il fiato sul collo e tenere a distanza il Livorno, terzo a quota 23, impegnato ad Empoli, quarta forza del campionato a 21 punti, con entrambe le posizioni che consentono l’accesso alla lotta scudetto solo attraverso dei fastidiosi play off. Ma non finisce qui: mercoledì prossimo alle 18.30 la truppa di Semplici, detentrice dellla Coppa Italia, incrocia nuovamente gli scarpini contro i bianconeri nell’andata delle semifinali della competizione, addirittura sotto i riflettori del Franchi, già calcato lo scorso anno in finale contro la Roma. “Spero di avere il pubblico delle grandi occasioni, oltre che recuperare tutti gli effettivi”, commenta Semplici, ultimamente saccheggiato da Rossi dei vari Salifu, Camporese e co. Per chiudere il cerchio di questo triplice confronto, il 31 gennaio si replica a Vinovo per il match di ritorno, per staccare ancora una volta il lasciapassare per la doppia finale, contro un avversario di nome Roma o Milan.

© RIPRODUZIONE RISERVATA