Chiesa accende la fantasia ma c’è quel cambio che stride

Federico Chiesa nel ritiro di Moena. Foto: S.D.C./Fiorentinanews.com
Federico Chiesa nel ritiro di Moena. Foto: S.D.C./Fiorentinanews.com

Quando sono uscite le formazioni ufficiali di Juventus-Fiorentina di ieri sera, in tanti avranno tremato leggendo il nome di Federico Chiesa tra i titolari viola. Nella mente c’era ancora l’esordio shock di Brillante, alla prima di due campionati fa sul campo della Roma, durato appena mezz’ora e indirizzato palesemente da Montella alla sua dirigenza. Invece chi non ha tremato è stato proprio lui: uno dei figli d’arte presenti nella rosa della Fiorentina, da subito a proprio agio in mezzo al campo e protagonista di diversi allunghi palla al piede. Grande intraprendenza al cospetto di un avversario che avrebbe messo i brividi a chiunque: un Chiesa che insomma ha acceso la fantasia di molti ma che poi è stato sostituito dopo appena un tempo. Esigenze tattiche evidentemente, dato che al suo posto è entrato Tello, ma è anche vero che dopo un primo tempo talmente deludente forse c’era qualcun altro che avrebbe meritato maggiormente il cambio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

12 commenti

  1. Mi fanno sorridere queli che dicono che Sousa non fa giocare nel suo ruolo Ilicic. Lo Sloveno non gioca bene perché in campo cammina e quando ha la palla perde tempo perché non sa mai dove scaricarla. Ilicic è uno che segna solo da fermo.

  2. X Mau 46 Illuminaci tu su quali sono le caratteriste dei calciatori da te menzionati.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*