Questo sito contribuisce alla audience di

Chiesa, la sproporzione con Babacar non regge più

Il gol, bellissimo, realizzato contro il Bologna non ha spostato di nulla gli equilibri. Che ci fosse da affrontare un discorso per il rinnovo contrattuale di Federico Chiesa era un fatto palese, indipendentemente dalla prestazione di sabato scorso. Il Corriere dello Sport-Stadio sottolinea due aspetti che rendono ancor più indispensabile un nuovo contatto e contratto tra le parti. Intanto la sproporzione con l’ingaggio percepito da Babacar, il Paperone della squadra, che guadagna più di un milione di euro netto rispetto all’esterno. E poi Chiesa è anche il titolare meno ‘ricco’ della squadra, con i suoi 400 mila euro netti all’anno di ingaggio.

Presto le parti si metteranno intorno ad un tavolo per annunciare poi il nuovo ‘matrimonio’ fino al 2022.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Baba prende troppo e Church troppo poco ….

  2. Babacar percepisce uno stipendio da paperone per quelli che sono gli ingaggi viola, ma niente di straordinario nei confronti di molti altri giocatori di serie A; giusto adeguare il contratto di Chiesa; Baba, un giocatore da doppia cifra, ma non trova spazio in un modulo a una punta, così come accadeva con Sousa; Babacar non è un solista e deve giocare con un’altra punta per rendere al meglio…ora tutti dicono che Simeone è troppo solo davanti, ma quando succedeva con Babacar, si criticava il suo rendimento, pur avendo un rapporto di minutaggio giocato e gols molto elevato…se al posto di Simeone si impiega Baba, si ottiene lo stesso risultato e di sicuro va in doppia cifra, ma lo perderemo perchè poco e male sfruttato(sabato sarebbe potuto subentrare a Simeone, ma Pioli non lo ha messo)….solo Novellino riusci a sfruttare al massimo le sue doti, facendogli raggiungere i 20 gols con il Modena

  3. Chiesa continui a pensare al campo. Al resto pensi la dirigenza.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*