Questo sito contribuisce alla audience di

Cognigni: “Ci apriremo alla gente e faremo chiarezza, vogliamo ringiovanire con investimenti. Pioli possibile…”

Il presidente esecutivo viola Mario Cognigni ha parlato della proprietà: “Quanta voglia hanno i Della Valle? Il sistema calcio Italia è fallito e si tiene in piedi solo grazie ai diritti tv. La Fiorentina fin quando ci sarà questa proprietà, avrà come obiettivi sempre quelli che abbiamo raggiunto in questi ultimi anni. Abbiamo come strategia quella di valorizzare il settore giovanile, non tutti i ragazzi sono pronti, vogliamo costruire un organico che come età media sia molto inferiore all’attuale. Questo organico ha dimostrato di avere grandissimi valori e ha dato tanto, possiamo ringiovanire la rosa con investimenti importanti. Le ultime acquisizioni mi sembrano tali, quindi abbiamo voglia di continuare però è necessario che questa voglia non venga osteggiata. Come attirare la gente? Quest’anno abbiamo cercato di aprirci di più, partecipando con i nostri giocatori a tutti gli eventi possibili e immaginabili, cercheremo di essere più aperti e più chiari. Poi ci sono delle persone che devono lavorare, su tutti il direttore Corvino e il confermatissimo Freitas, che rimarrà con noi per tanto tempo. Poi io per primo vorrei arrivare a risultati migliori, però è giusto che le analisi le facciamo alla fine, sicuramente continueremo a lavorare con armonia, mi auguro. Allenatore nuovo? Il discorso è iniziato quando Antognoni ha detto che il prossimo allenatore sarà italiano, Corvino me lo ha confermato perché in una fase di passaggio, di rifondazione, è necessario un tecnico che conosca il campionato italiano. Se poi Pioli possa essere un allenatore di questo tipo, immagino che possa essere uno dei profili che il direttore Corvino sta prendendo in considerazione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

24 commenti

  1. “La famiglia Della Valle con me è sempre stata correttissima – ha detto Pradè – e mi ha voluto bene. Ho lavorato bene con Mencucci e Macia che mi hanno portato in viola e poi con Rogg e Angeloni. A livello societario e aziendale, la Fiorentina è un esempio, una macchina quasi perfetta. L’unico problema è stato il “demotivatore o l’omo nero” come veniva chiamato in società… e penso pure adesso”

    “A livello societario e aziendale, la Fiorentina è un esempio, una macchina quasi perfetta. L’unico problema è stato il ‘demotivatore o l’omo nero’ come veniva chiamato in società allora… e penso pure adesso (ride, ndc)”

    «La famiglia Della Valle con me è stata correttissima e mi ha voluto bene. Ho lavorato bene con Mencucci e Macia che mi hanno portato in viola, poi con Rogg e Angeloni. A livello societario e aziendale, la Fiorentina è un esempio, una macchina quasi perfetta. L’unico problema è stato il “demotivatore o l’omo nero” come veniva chiamato in società allora..e penso pure adesso (ride)»

    Repetita juvant…

  2. Ma commenti come quelli di cisko non vengono bannati dai moderatori. Quest’individuo provocatore, oltre a rappresentare uno dei mali attuali della Fiorentina, è palesemente omofobo.

  3. Della serie:
    Hanno la faccia come il c**o.
    Mi viene da pensare al nostro grande co/tifoso Beha che pure di dire la verità si faceva parecchi nemici.
    Questo grosso pezzo di merda lavora all’incontrario, dire un sacco di balle per arruffianarsi qualche poveretto illuso.
    Ormai ti conoscono tutti sei come la scabbia, il giorno che ci libereremo di te e di quell’altro pezzo di antiquariato pugliese si potrà cominciare a parlare di rifondazione

  4. Cisko il tuo cervello è proprio degno della tanto osannata minoranza siete tristi e soprattutto poco per la Fiorentina

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*