Cognigni: “Non deve mancare mai l’attaccamento alla maglia ma bisogna capire le esigenze della società”

Mario Cognigni, presidente della Fiorentina, al termine dell’incontro ‘Lo sport è un diritto’, ha voluto parlare così in merito al fair play finanziario: “Non deve mai mancare l’entusiasmo e l’attaccamento alla maglia della perché solo così è possibile mantenere viva la passione anche in periodi di fair play. Così si possono oltrepassare ostacoli che sembrano insormontabili. Ma è necessario capire la coerenza di una società che ha l’obbligo di essere sincera ed obiettiva presentando i propri conti. Una proprietà forte, con la forza delle idee può ovviare anche a certe problematiche”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

23 commenti

  1. Lasciamo perdere quello che dice cognigni. Pensiamo solo al campo. Non sono d’accordo con quello che dice ma ora è bene che si pensi solo al campo. Tanto cosa si pensa di lui, lo sa benissimo.

  2. Andate a gestire le fabbriche di scarpe non una società di calcio. Non siete adatti e non rispettate la passione dei tifosi. Il fair play è uno specchietto per le allodole e per i furbetti che accumulato tesoretti. Altre squadre addirittura in dissesto spendono e spandono e nessuno si fila del fair play finanziario. Qualche esempio? (Inter e Lazio). Da noi una buona scusa per deludere sempre i tifosi e non vincere mai niente. Una domanda a mister tesoretto, ma una squadra di calcio alla quale si precludono sogni e passioni a cosa serve? E soprattutto a chi serve? Io un’idea ce l’ho: per caso a creare immagine per vendere meglio un prodotto? Cos’ semplicemente, furbescamente. Ma la Fiesole l’ha capito e vi ha messo alla berlina.

  3. LE ESIGENZE DELLA SOCIETÀ CONTRASTANO CONTRO QUELLA DEI TIFOSI….NOI TIFOSI VOGLIAMO PIÙ DI UN TROFEO MA LA SOCIETÀ CHE ABBIAMO E’ PERDENTE…..

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*