COITUS INTERRUPTUS O EIACULAZIONE PRECOCE?

Sono bastati tre minuti per andare in vantaggio contro la Juventus, il tempo che c’è voluto a Bernardeschi di entrare in area e farsi sgambettare da Chiellini. Il compito poi l’ha portato a termine Ilicic trasformando il rigore. E’ in quel momento che tutti hanno pensato: vuoi vedere che ripetiamo la stessa gara fatta con l’Inter? Il tutto accompagnato da un profondo orgasmo, quello delle belle occasioni per intenderci. E invece no, il coitus interruptus si è manifestato pochi minuti dopo, giusto il tempo di vedere Cuadrado prendere male la palla di testa e beffare il povero Tatarusanu. Senza questo gol preso in maniera ingenua (e stiamo moderati con i termini) avremmo assistito, probabilmente, ad un altro copione, ad un’altra partita, invece…

Ma possiamo parlare di coitus interruptus ed eiaculazione precoce assieme? In termini strettamente medici le due definizioni sono incompatibili, però per questa partita potrebbero essere appropriati. Mi spiego meglio. Del coitus interruptus abbiamo già detto, L’eiaculazione precoce è rappresentata dal gol a freddo, che è però stato l’unico tiro in porta di tutta la partita della Fiorentina. Una bottarella e via, una situazione inusuale per questa squadra, che ci ha abituati sì ad un grande possesso palla, ma generalmente accompagnato da verticalizzazioni fulminee e inaspettate e anche da una sequela di conclusioni verso la rete avversaria con esiti felici (tanto che la Fiorentina può vantare il miglior attacco di tutta la Serie A). Eppure contro la Juve, niente.

Serate storte, ahinoi, capitano a tutti, anche a Rocco Siffredi. Per rimediare, se hai buone basi, però basta poco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. albertoviolaclubroma

    In tutti i due casi sono problemi seri, si rimane proprio male!
    All’amico che ha raccontato la sua storia dico che non hai perso niente era proprio una …….ti è andata bene lo sai quante corna portavi ora.

  2. Che c..o di paragoni (è proprio il caso di dire!). Proprio Rocco Siffredi andiamo a scomodare? Insomma la causa della sconfitta è un fatto endemico o una tecnica comportamentale? Perchè anziche fare discorsi assurdi non si entra veramente nel merito della lacune di questa squadra e più ancora di questa Società? Una Società di ampi proclami e di minimi investimenti. Anche per gennaio si parla più di giocatori in uscita (Suarez e Rossi) che in entrata! Mai una gioia, questo è lo slogan giusto.

  3. E farsi un giro da un sessuologo? Mi sembra che qualcuno abbia dei problemi!

  4. Secondo me il fatto principale è che siamo sulle gambe fisicamente. Quando eravamo in forma, pressing alto sul portatore di palla, ormai dalla partita con l’Empoli non si vede più. Manca il fiato da un mese, e non ci sono cambi. Speriamo che la sosta serva a far riprendere le energie

  5. Minore capacità di concentrazione per disabitudine alla lotta di vertice.
    In più, fatturato pari a meno di un terzo di quello loro

  6. La rosa è questa e a gennaio se siamo fortunati sui 2-3 nuovi acquisti solo uno si integrerà a sufficenza .
    Bisogna mettersi in testa che la nostra forza è il collettivo e non si può pretendere che siano sempre tutti in palla, come non possiamo pretendere che siano diventati dei campioni dalla sera alla mattina.
    Con questa rosa bisogna scegliere ORA se puntare al campionato o se sprecare un’altro anno a rincorrere le coppette.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*