Questo sito contribuisce alla audience di

Come reinvestire i soldi di Kalinic? Si pensa anche alle strutture…

Si parla di Nikola Kalinic e dei milioni (tanti) che potrebbe portare nelle casse viola anche sulle pagine del Corriere dello Sport- Stadio. La Fiorentina preferirebbe posticipare una sua eventuale cessione a fine stagione, e comunque non ha intenzione di indebolire la rosa in questo momento dell’anno, ma è chiaro che sarebbe difficile rinunciare a tutti quesi soldi (si parla di 45-50 milioni). Oltre ai nomi che girano, l’investimento potrebbe riguardare anche infrastrutture tecniche, impanti per le giovanili, la foresteriea e il centro sportivo La Trave. Insomma, un investimento a tutto tondo, che sommerebbe un rinforzo per l’attacco a un investimento sugli impianti.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. Questi soldi servono x costruire attorno al nuovo stadio e poi rivendere a prezzo piu’ alto…questo e’ il fair play finanziario

  2. Hosseinfio da Iran

    Widmer – Evra

  3. Potrebbero anche ristrutturare le loro case e chiedere lo sgravio fiscale!

  4. Inutile potenziare le infrastrutture se contemporaneamente non abbiamo una squadra all’altezza. È come fare la stalla senza avere le mucche da metterci, sono soldi buttati

  5. Lasciando stare se gli investimenti sulle strutture andrebbero fatti oppure no,ma voi state scherzando vero??? Cioè i DV,dopo aver speso 7 milioni per ristrutturare il centro sportivo “i campini”,che sono di proprietà comunale,dovrebbero anche spendere altri soldi suoi,per risistemare le strutture del settore giovanile??? Ahahahahahahahahaha,ma voi siete di fuori come i terrazzi. Cioè voi spendereste 50 mila euro per ristrutturare un appartamento dove siete in affitto e poi,quando vi scade il contratto,il proprietario vi manda a caare,tenendosi l’appartamento rivalutato e ristrutturato???? Via su,almeno contestate per qualcosa che sia giusto,non per boiate.

  6. se fossi nei DV penserei a risistemare le infrastutture con gli eventuali soldi di Kalinic…
    i bagni pubblici della stazione ne avrebbero bisogno(è anche una discreta operazione di immagine pubblica).

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*