COMODA PRENDERSELA CON UN RAGAZZINO DI 19 ANNI. VIDEO

Federico Chiesa in una fase di gioco. Foto: Luca Fanfani /Fiorentinanews.com

Un ragazzo pulito, assennato, uno che crede nelle sue doti, ma che non ha rinunciato allo studio ed uno che ogni volta che parla non dice mai cose fuori posto. Federico Chiesa è tutto questo. Per questi motivi vederlo fare un gesto così provocatorio nei confronti del portiere Bizzarri dopo il gol del 2-1 (si è portato l’indice al naso come per dire “e ora stai zitto”) ci ha colpiti e insospettiti.

Insospettiti perché, se lo ha fatto ci deve essere stato qualcosa dietro prima che lo ha scatenato. Ebbene Chiesa è stato letteralmente bersagliato dagli avversari nel corso della gara. Non solo a parole (Bizzarri), ma anche fisicamente, come ad esempio è successo con Gyomber, che lo ha preso energicamente di peso per farlo alzare dopo aver subito un fallo al limite dell’area.

Comoda, davvero comoda prendersela con un ragazzino di 19 anni solo perché vi sta facendo vedere i sorci verdi. Ma stavolta Chiesa ha mostrato di avere più palle (passatemi il termine) di tutti voi messi insieme. Non è stato elegante esultare così? Può anche essere, ma capiamo veramente il senso di rivalsa che ha provato dopo essere stato trattato in una certa, sgradevole maniera per 51 minuti (ovvero la durata di tutto il secondo tempo).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

20 commenti

  1. vedo che tutto ciò che volevo scrivere io su chiesa è stato detto… mi accodo a dire che è un grande per qualità e carattere.

  2. vortexsurfer

    Poche storie…gyomber andava espulso.

  3. Bravo continua così, umiltà e lavoro e per te parlerà solo il campo. Bravo.

  4. Cose già successe ad altri giovani campioni come balottelli,niang,ecc ecc nulla di grave anzi è normale devono crescere anche in questo non credo dovrebbero esserci particolari protezioni se non sai stare al gioco delle provocazioni cambia mestiere il calcio è così a tutti i livelli e la testa deve esserci prima dell’aspetto tecnico altrimenti balottelli era tra i primi 10 migliori al mondo

  5. Un ragazzino di 19 anni ma con una città al suo fianco.

  6. Purtroppo CHIESA non viene tutelato dalla CASTA ARBITRALE… un simile giocatore sarebbe giusto proteggerlo. Fare fallo va bene ma sempre entro i limiti… CHIESA ha benissimo ad esultare in quella maniera.. e andare dopo a chiedere scusa poteva soprassedere. Quanti giocatori si scusano nel calcio ? CHIESA lo hanno provcato… e se poi perdi cavoli tuoi… se SFOTTI… se poi perdi devi minimo stare ZITTO. BABACAR è molti altri giovani dovrebbero prendere ad esempio il suo comportamento in campo e solo TELLO cerca di rispondere con le prestazioni e goal segnati solo così può giocare.

  7. onora il padre

    11 Chiesa in campo e saremmo lassu’.

  8. Ha fatto benone contro quel manipolo di scarponi che a suon di calci e falli infami avevano pensato di pareggiare almeno, complice quel bel personaggio di arbitro (all’inglese? ma quale inglese, alla scarsaggine sua e dei suoi compari). Pensano che il calcio sia come il rugby a tirano alle gambe anzichè al pallone. Addirittura ha sollevato di peso Chiesa come fosse un pacco e l’arbitro lo ha solo ammonito, andava cacciato per la sua violenza e perchè gesto violento senza palla. Alla fine li ha zittiti? Era il minimo io li avrei presi pure per i fondelli. Di di scarpa ferisce di dito perisce.

  9. Se i suoi compagni avessero metà delle sue palle e della sua fame di vittoria saremmo già in finale di Europa League… Comprensibile comunque sia lui che i pescaresi… Undici di Oddo meritava ampiamente almeno il pareggio… I 5mn di extra time esagerati…la Fiorentina ringrazia

  10. Una delle caratteristiche principali nel calcio, oltre alle doti naturali sono le palle e Chiesa ne ha da vendere,
    speriamo che sia di esempio anche per quelli più maturi perché a volte si perdono dei palloni in maniera ridicola. Comunque Chiesa per me giocherebbe sempre titolare.
    Forza Grande Federico!!!!!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*