Con Corvino e Ramadani riparte il mercato degli slavi: Ecco i nomi

Ljajic disappunto

Gli ottimi rapporti tra Pantaleo Corvino e il noto procuratore Fali Ramadani ha fatto si che negli scorsi anni arrivassero alla Fiorentina importanti giocatori del calibro di Stevan Jovetic, Valon Behrami, Matija Nastasić. Non solo, perché tra gli altri c’è anche Adem Ljajic, il quale in passato ha indossato la casacca viola per la sua prima avventura in Italia e che, con il ritorno del dirigente di Vernole a Firenze con la carica di direttore dell’area tecnica, potrebbe tornare a vestire gigliato. La società di Via Manfredo Fanti sembra essere infatti nuovamente vicina all’attaccante serbo di ritorno alla Roma dopo una stagione discontinua all’Inter che non ha convinto ne’ i nerazzurri a riscattarlo dal prestito ne’ i giallorossi a trattenerlo. Corvino ha così campo libero per poter piazzare un primo colpo di qualità per rimpolpare il reparto offensivo viola, a meno che non si faccia avanti il Milan con Galliani, il quale ha sempre avuto un debole per il giocatore. Per il centrocampo nel taccuino del ds salentino c’è un altro assistito di Ramadani, ovvero Ljubomir Fejsa del Benfica. Piace da tempo aPaulo Sousa, e alcuni emissari gigliati lo hanno osservato in più occasioni all’opera. Con il ritorno di Corvino si aprirebbe quindi un canale preferenziale per portare il mediano nativo di Belgrado a Firenze, che sarebbe utile anche per colmare il vuoto da Badelj in caso di una sua partenza per altre destinazioni. Dalla Serbia si fanno sempre più forti dell’interessamento dei viola per Marko Pektovic, terzino destro classe ’92 della Stella Rossa Belgrado. Il suo cartellino è valutato sui due milioni di euro e i suoi interessi sono gestiti sempre dalla Lian Sports, l’agenzia diretta da Ramadani. Infine, secondo quanto appreso da Calciomercato.com, Pantaleo Corvino sembra essere intenzionato a tentare l’assalto a Admir Mehmedi, attaccante di origine macedone-albanese in forza al Bayern Leverkusen e nel giro della nazionale elvetica. Il giocatore, il quale ha un contratto fino al 2019 con i tedeschi ma che ha trovato poco spazio in questa stagione, era entrato nelle ottiche di mercato viola già alcuni anni fa quando militava nello Zurigo e adesso con Corvino di nuovo alla scrivania le possibilità di un suo arrivo alla Fiorentina, magari in prestito, possono concretizzarsi per rinforzare così l’attacco, data la la sua duttilità come ala e seconda punta.

David Fabbri per Calciomercato.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. Uno dei perché è semplice da capire. Negli anni in cui stavamo simpatici a tutti,cioè dal ’70 al ’85 la Fiorentina rappresentava per le squadre minori una sorta di speranza di poter diventare più forti,mentre per le Big era una squadretta fuffa che ogni tanto azzeccava una stagione migliore ma era ritenuta una mera casualità,per cui non ti calcolavano minimamente. Poi col crescere delle ambizioni dei Pontello prima,di Cecchi Gori dopo e per finire ai DV attuali,le tifoserie delle squadre medio/basse ti invidiano e quindi non gli stai più tanto simpatico,mentre quelle delle squadre top hanno il terrore che tu gli freghi un posto i. Europa(come spesso accade)e che magari un giorno tu possa anche fregargli uno scudetto e quindi ti odiano. Ma questo è già così da parecchi anni,non certo dall’avvento di Corvino. Quando Vittorio ci fece fallire e finire in C,le tifoserie di mezza Italia (anzi di quasi tutta Italia,fuorché quelle gemellate),erano strafelici di poterci sfottere a mani basse.

  2. Erossi@gmail.com

    Una volta eravamo la squadra ye-ye,eravamo simpatici a tutti ,tanti tifosi di altre squadre simpatizzavano comunque per la Fiorentina oggi stiamo sulle palle a società che con noi non fanno affari e a tanti tifosi di altre squadre ,in tante occasioni siamo diventati lo zimbello d’Italia! !!!ci sarà un perché. …..chiedetevelo! !!!!

  3. Erossi@gmail.com

    Il solo pensiero che la Fiorentina sia “in mano”a Corvino e Ramadani mi fa vomitare!!!!!
    Toccato il punto più basso della sua storia! !!!
    Già ma molti che oggi plaudono che cosa ne sanno della storia della Fiorentina e delle tante persone serie che l’hanno rappresentata! !!!!

  4. Che Fejsa si richiesto da Sousa e fa partire Badelj non ci credo proprio , si preferisce cedere un titolare e prendere al suo posto una riserva del Benfica , azzo ottimo progetto ………………….

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*