Questo sito contribuisce alla audience di

Condò: “Spero che Pioli non arrivi ancora deluso a Firenze. Bernardeschi? Se non è convinto fa bene a partire, la clausola è la soluzione”

Personaggio di Sky Sport, Paolo Condò a Radio Bruno parla delle tematiche viola, legate a Pioli e Bernardeschi: “Sarà molto importante la testa con cui Pioli si avvicinerà alla Fiorentina perché l’Inter rappresentava la grande occasione per la sua carriera, spero che non arrivi a Firenze deluso da quanto successo a Milano. Un piazzamento in Champions quest’anno o l’anno prossimo infatti gli avrebbe potuto garantire anche una squadra in grado di lottare per lo scudetto. Bernardeschi? L’anno del Mondiale un calciatore deve rimanere o andare in un posto dove è sicuro di essere calmo e felice, dove non dover combattere con l’ambiente. Non è un caso che Pogba sia andato via dalla Juve l’anno dopo il Mondiale e che Dybala abbia rinnovato, anche per preparare il suo primo Mondiale. Se Bernardeschi resta contento allora va tutto bene ma se dovesse avere qualcosa dentro che gli faccia pensare di star perdendo tempo, allora farebbe bene ad andare. Per giocatori di questa qualità l’idea della clausola è giusta, magari alta. Non vuol dire che il giocatore debba partire, fornisce la possibilità di fuga al calciatore insoddisfatto ma dà anche potere alla società, che incassa comunque una cifra importante”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Siamo sempre là, clausola alta = ingaggio alto, quanto alto è tutto da capire perché in questo calcio malato cronico (quasi moribondo), non si capisce più nulla, ingaggi folli per tirare due calci ad un pallone, e poi magari hanno anche il coraggio di fare le bizze…!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*