Copa America: DIECI calciatori interessanti che possono fare al caso della Fiorentina

L'attaccante degli Usa, Gyasi Zardes

Poco più di una settimana fa, con Stati Uniti-Colombia, ha preso il via la 45esima edizione della Copa America “Centenario”, che si tiene negli Stati Uniti in occasione dei 100 anni della CONMEBOL. Un’edizione particolare in cui per la prima volta la competizione si è spostata dal Sudamerica, alla quale hanno preso parte 16 squadre provenienti da tutto il continente americano. E in questa edizione ci sono almeno dieci calciatori interessanti che possono fare al caso della Fiorentina.

Santiago Arìas (13/02/1992) Terzino destro COLOMBIA (Psv Eindhoven): Al Psv dal 2013, Arìas è un terzino che sorprende per la capacità di spinta ma anche per l’ottima disciplina tattica. Grande accelerazione e buona tecnica. Fisico compatto anche se non un colosso, dal suo arrivo in Europa ha lavorato tanto anche per rinforzare la sua struttura, ed i risultati sono già sensibili.

Nestor Araujo (29/08/1991) Difensore centrale MESSICO (Santos Laguna): Difensore centrale prestante e molto forte di testa, Araujo fa dell’ottimo lancio lungo la sua dote più importante. Calciatore solido, può giocare come centrale sia in una difesa a 3 che in una a 4. In passato all’occorrenza ha anche ricoperto la posizione di mediano davanti alla difesa, grazie alla sua buona tecnica. 

Roberto Rosales (20/11/1988) Terzino destro VENEZUELA (Malaga): E’ stato il primo venezuelano a segnare una rete in Champions League, trafiggendo il Tottenham nel 2010. Cursore velocissimo e dotato di ottima sensibilità tecnica, molto bravo nell’assist, è una colonna del Malaga. Fornisce una spinta costante sulla destra, e grazie alla sua rapidità è un avversario molto ostico da superare nell’uno contro uno. 

Renato Tapia (28/07/1995) Centrocampista PERU’ (Feyenoord): Calciatore estremamente interessante per potenzialità e duttilità. Arrivato in Europa al Twente, dopo che il Liverpool all’età di 15 anni scelse di non tesserarlo, le ottime prestazioni con la squadra di Enschede gli hanno permesso di essere acquistato dal Feyenoord. Centrocampista centrale che si trova a suo agio in una mediana a 2 così come in una a 3. Molto forte fisicamente e bravo in fase di manovra, non è rapidissimo ma compensa il tutto con un grandissimo senso tattico. Solidissimo nel gioco aereo, spesso con le nazionali giovanili ha giocato anche sulla fascia destra. Ottimo prospetto.

Sebastian Perez (29/03/1993) Centrocampista COLOMBIA (Atletico Nacional): Centrocampista centrale box-to-box, capace spesso di dominare in mezzo al campo per come sa imporsi sia in fase di non possesso che nel fraseggio. In possesso di un ottimo tiro, sa rendersi pericoloso anche dalla distanza. L’Arsenal ad Agosto gli ha fatto sostenere un provino dove aveva impressionato, ma non lo tesserò per una serie di problemi burocratici. Calciatore di grande temperamento e resistenza, Perez ha 23 anni ma gioca come un veterano. 

Oscar Romero (04/07/1992) Trequartista PARAGUAY (Racing Avellaneda): Arrivato in Argentina nel 2015, Romero non ci ha messo ad entrare nelle grazie dei tifosi del Racing. Predilige partire dalla fascia, sinistra o destra senza problemi, ricevere il pallone ed impostare la trama offensiva. Mancino puro, ha un sinistro di qualità superiore alla media. In possesso di un ottimo dribbling, che sfrutta molto specialmente grazie alla finta di corpo. Calcia molto bene tutti i piazzati. La sua qualità migliore è senza dubbio il passaggio smarcante. 

Edwin Cardona (08/12/1992) Centrocampista offensivo COLOMBIA (Monterrey): Cardona è un giocatore eclettico, che abbina una poderosa fisicità (1.86 m x 85 kg.) ad una grandissima tecnica. Tiro potentissimo, qualità nel fraseggio, è un centrocampista moderno: più offensivo di un mediano, ma meno di un trequartista puro. Buona visione di gioco, deve crescere sotto l’aspetto tattico, ma non gli mancano voglia e spirito di sacrificio. 

Lucas Lima (09/07/1990) Seconda punta BRASILE (Santos): Ha segnato il suo primo gol con la maglia della Seleçao al “Monumental” di Buenos Aires, contro gli eterni rivali argentini. Mancino purissimo, tecnica sopraffina, gioca come trequartista centrale dietro le punte o come supporto al centravanti. Minuto fisicamente, ha grande lettura del gioco e un tiro molto secco e preciso. Deve crescere sul piano della continuità, ma è un calciatore di talento che sta trovando la sua consacrazione.

Hirving Lozano (30/07/1995) Ala sinistra MESSICO (Pachuca): Attaccante esterno rapidissimo, letale in campo aperto, molto bravo a confezionare cross al bacio per i compagni. Calcia molto bene con entrambi i piedi, è bravissimo ad attaccare lo spazio senza palla; calciatore che ha tutte le caratteristiche per fare molto bene in Europa. 

Gyasi Zardes (02/09/1991) Attaccante STATI UNITI (Los Angeles Galaxy): Pupillo di Klinsmann, attaccante dalle movenze felpate e dotato di grandissima rapidità, Zardes è una punta centrale capace di adattarsi a giocare con ottimi risultati anche sulle corsie esterne. Originario del Ghana, è devastante in ripartenza, ma è anche in possesso di un buon colpo di testa grazie ai 188 centimetri d’altezza che sfrutta con abilità. Diamante grezzo, con ancora tanti margini di miglioramento.

Honorable Mentions: Fabra COLOMBIA (Boca Juniors), Duenas MESSICO (Tigres), Duarte COSTARICA (Club Brugge), Piris Da Motta PARAGUAY (Club Olimpia), Gruezo ECUADOR (Fc Dallas), Gomez PARAGUAY (Lanùs).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Se ne può mettere anche cento di giocatori, ma senza soldi non si va da nessuna parte e quei pochi giocatori che sarebbero alla portata della Fiorentina, verranno quasi tutti persi per ritardi nelle trattative

  2. Premesso che non li conosco (quindi potrebbero essere fenomeni o dei brocchi). Ma secondo me sarebbe meglio prendere giocatori pronti subito e conoscitori del campionato. Con la sola cessione di Ilicic, Babacar e Badelij (40 – 43 mil in totate ) si potrebbe gia prendere Sansone ( sassuolo) Verre (pescara) Zappacosta (torino) Musacchio (villareal).
    Ed ancora avremmo qualche pedina da vendere ( Rossi, Mati F. ed all’occorrenza M. Alonso) per rinforzare ulteriormente la rosa.

    In attacco dare fiducia a Kalinic con in panchina un giovane provenienta dal vivaio ( Baez) e un attaccante di esperienza ( in prestito) tipo un Pazzini, Matri, Immobile.

  3. Discreti giocatori ma non ci perderei tempo .

  4. ARUAJO LIMA LOZANO E CARDONA SONO OTTIMI GIOCATORI TUTTI GLI ALTRI NON SONO DI MENO PERO IN QUESTA LISTA QUELLI PER ME PIU’ IN GAMBA SONO QUELLI CHE HO ELENCATO

  5. Possono solo interessare….questo si….comprare ….. chi a i soldi….non sono certo che siano in fiorentina…solo non vendessero mezza squadra per avere un po’ di liquidità per comprare…..

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*