Copertura del Franchi, scatta la lite politica

La mozione presentata dal gruppo del PD al Quartiere 2 sulla copertura del Franchi, ha fatto scattare una vera e propria lite politica. All’attacco del PD è passato subito il centrodestra che ha accusato il partito di maggioranza a Firenze in maniera neanche troppo velata. Il capogruppo di Fratelli d’Italia, Francesco Torselli, e il consigliere di Forza Italia, Marco Semplici, hanno lanciato le proprie critiche indirizzate al presidente del Quartiere 2 Michele Pierguidi: “Ma siamo su scherzi a parte? Appena due anni e mezzo fa la nostra proposta di copertura dello stadio, presentata direttamente da Giovanni Galli, era stata bocciata. Ci accusavano di pensare in piccolo”. La replica giunta dal PD è stata: “Proprio perché al Franchi, quando piove, i tifosi continuano a bagnarsi come quartiere 2 proponiamo di realizzare opere di ammodernamento per poter usufruire dello stadio anche quando la Fiorentina si sarà trasferita”. E sullo sfondo resta una domanda: non è che per caso si stia cercando un’alternativa al progetto Mercafir?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

14 commenti

  1. bonolverdicchio

    LA ISTORIA DELLO STADIO È STUCCHEVOLE E SOPRAVVALORATA: VA BENISSIMO L’ARTEMIO ANCHE SE DA QUANDO NON VENDANO PIÙ ALCOLICI È L’ASTEMIO. MARADONA GIUOCAVA NEI CAMPI DI PATATE. LO STADIO NON CONTA.

  2. A giudicare dagli alacri lavori di ristrutturazione che fanno tutte le estati (abbassa i vetri in maratona, abbassa quelli di tribuna, Sky box) tanta voglia di spendere un duecentocinquantello per lo stadio novo, pare nn l’abbiano. Il che, nn è necessariamente un male, al solito, basterebbe essere chiari

  3. E questa sarebbe l’idea sensata?

  4. Non simpatizzo per la destra ma non posso che essere d’ accordo con loro sul fatto che il progetto presetato da G.Galli era stato criticato dalla sinistra di allora. Resta il fatto che le tribune del Franchi, essendo un bene collettivo da preservare e utilizzare, devono essere coperte indipendentemente da quello che faranno i Della Valle.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*