Corvino: “Firenze mi dà i brividi, vorrei una branda al Piazzale e nel Corridoio Vasariano. Ecco perché dissi no a Cecchi Gori”

Corvino Saluto

Il dg della Fiorentina Corvino, sempre a Viola Week, parla del suo rapporto con Firenze:
“Pentito di Di essere tornato a Firenze? Assolutamente no, qui sono a casa mia, qui chiuderò la carriera. Questa città è una seconda pelle, mi dà i brividi. Ultimamente vado poco in Puglia, colpa degli impegni di mercato. La mia famiglia vive là ma presto mi raggiungerà a Firenze. Il mio sogno è poter dormire su due brande: una al piazzale Michelangelo per ammirare il panorama, l’altra nel Corridoio Vasariano, così mi sveglierei in mezzo a quelle meraviglie di opere d’arte. A Firenze stavo per arrivare ai tempi della gestione Cecchi Gori, mi chiamò l’allora presidente Mario Sconcerti, non me la sentii di tradire il Lecce. Se Firenze è sempre stata nella sua vita il merito è di mio padre, che quando si faceva la barba canticchiava l’inno della Fiorentina, poi la prima partita dal vivo, a Bari giocavano i viola”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Io mi fido del corvo!!!! Forza viola sempre!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*