Questo sito contribuisce alla audience di

Corvino: “Il nostro modello ha portato la Fiorentina a costruire risorse tecniche ed economiche”

Il settore giovanile della Fiorentina è tornato a sfornare talenti importanti come Bernardeschi, Chiesa, oltre al ‘solito’ Babacar. Ma cosa c’è alla base di questo lavoro? “Il mix perfetto per costruire una squadra è quello di individuare la giusta dose tra esperienza e gioventù – spiega il direttore dell’area tecnica viola, Pantaleo Corvino, al Corriere dello Sport-Stadio – Il 76% dei giocatori che sono arrivati ad imporsi, fin qui, sul palcoscenico del calcio che conta sono italiani, soltanto 6 gli stranieri. Anche nello scouting la ricerca parte sempre dal territorio locale per allargare solo successivamente il raggio di ricerca: lavorare sul vivaio per permettere l’italianizzazione della rosa ti consente di guadagnare tempo e di individuare la miglior qualità possibile. Nove sono gli italiani in B che hanno mosso i primi passi a Firenze, e altrettanti quelli che invece sono già in A. In una decina di anni con il ‘modello Corvino-Vergine’ siamo riusciti ad animare un settore giovanile capace di costruire risorse tecniche ed economiche. Ci è stato permesso di creare una struttura importante anche fuori dal campo, in termini di personale a supporto dei giovani e delle loro famiglie anche con il progetto Fiorentina school, dove su un totale di 88 iscritti, 41 sono tesserati viola”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

17 commenti

  1. Lotito no?

  2. Re leone, dalla tua sfera di cristallo mi puoi dire i numeri del Superenalotto della prossima estrazione?
    Non so sei reale o una macchina che spara ……… miste a depressione ma in ogni caso ti assolvo ??

    Il lavoro giovanile è molto più vasto e complicato di quello che si potrebbe pensare! Nelle ultime annate giocatori buoni ne sono usciti e questo significa che il lavoro è stato buono.. Purtroppo per strutture, allenatori e scouting non siamo i migliori.. Ma di migliori ce n’è uno!
    Le strutture le stanno sviluppando per avvicinare primavera alla prima squadra e per chi ha giocato sa quanto sia importante questo!
    Poi secondo me c’è quel vizio tipico italiano che preferisce il giovane straniero a quello italiano e comunque se esce dalla primavera non è interessante come quello del “vicino”… Avere un ambiente di fiducia e comunque ben strutturato permette di dare quel qualcosa in più ad un giovane..
    Il progetto c’è e chiesa bernardeschi babacar seferovic piccini capezzi camporese ne sono l’esempio.. Si può sempre far meglio ma pensare che far meglio sia facile è sbagliato!

  3. Corvino, la devi smettere di cantartela e suonartela da solo… sono quasi 10 anni che non ottieni risultati decenti alla guida di una squadra, quasi 10 anni… negli ultimi 4 alla Fiorentina i risultati sportivi sono stati penosi. Il modello Corvino-extra-Vergine applicalo ai giovanotti, e fatti sistemare lì, tra i giovanotti, a 1/5 dello stipendio, perchè a guidare la prima squadra stai facendo PENA da 4 anni, solo alla Fiorentina, e sono quasi 10 anni che non sei protagonista in nulla…. i tifosi vogliono risultati sportivi della prima squadra, e tu devi lavorare per quelli, prima che per tutto il resto, non lavori nel settore assicurativo, lavori nel calcio, nel calcio contano i risultati, sono inutili le serenate che ti suoni da solo. I tifosi ti amano per i risultati, non per le assicurazioni sul settore giovanile, ora sei quasi sulla frontiera dell’odio, fatti assegnare al settore giovanile assicurativo e lascia la prima squadra a chi è calato nel nostro tempo, il 2017, più di te. Sei antico, tu e le tue ‘self-serenate’.

  4. Già, sempre a lamentarsi !
    Peccato che l’attività precipua del calcio non possa limitarsi a vendere un prodotto o un’immagine, ma debba vincere OGNI TANTO qualcosina e “accontentare” i tifosi (che sono i veri clienti).
    Da questo versante, criticoni o meno che si possa essere, qualcuno che abbia un pò di cervello in zucca può sostenere che ci si possa ritenere soddisfatti? O ci tocca sempre sperare nella Befana?

  5. Quando si parla di giovani usciti dal settore giovanile,si deve anche temer conto di un dettaglio non da poco. Nel 2005 ci fu la ricostruzione intera del settore giovanile gigliato,e in molti scrivevamo,ed era la pura verità,che ci sarebbero voluti almeno 10 anni per veder uscire qualcuno dal nuovo settore giovanile,con bambini di 9/10/11/12 anni che iniziavano il loro percorso ed altri di 14/15 anni che vennero presi da fuori. E questo è quel che sta succedendo,con i vari Piccini,Fazi,Mancini,Venuti,Capezzi,Petriccione,Gondo,Bernardeschi,Chiesa ed altri ancora che militano in A,B,C,o all’estero. Chi pensava che in tre o quattro anni un settore giovanile ricostruito da zero dopo il fallimento,potesse sfornare dieci ragazzi per le varie nazionali,era in malafede oppure a digiuno di calcio. Adesso che da due anni si inizia a vedere qualche frutto,speriamo che ne escano sempre di più di questi ragazzi e che tra due o tre anni si abbiano almeno cinque nostri ragazzi che giocano in prima squadra,ed altri che hanno portato soldi perché venduti nei massimi campionati europei. Sapete che conosco la realtà del settore giovanile dell’Empoli e vi posso dire con certezza che,per un ragazzo che esplode e diventa un giocatore di serie A a buoni livelli,ce ne sono almeno 30 che non vanno oltre la serie C o addirittura i dilettanti. Questa è la normalità.

  6. Sempre a lamentarsi.. vi meritereste Zamparini o Preziosi. Quest’anno è andata male per colpa di varie situazioni, tra cui sicuramente l’incompetenza di Sousa. Prossimo anno, sono sicuro, ripartiremo alla grande. E non è vero che l’autofinanziamento significhi necessariamente ridimensionamento: guardate il modello Siviglia. Se ci fosse stato concesso di costruire la Cittadella Viola quando fu presentata nel 2008 ora avremo il nostro Stadio già da qualche anno e invece stiamo ancora discutendo se si farà o meno..

  7. Corvino intende dire nell’intero panorama calcistico non quelli che giocano con la maglia viola…a giro in serie b ci sono diversi giocatori che sono nostri(bagadur,venuti,baez,e altri che non ricordo,poi se vogliamo si porterebbe riprendere piccini,che non sarebbe male,con l’accoppiata prade’macia è stato venduto come poco buono…menomale che è stato fatto il diritto di recompra…).ha ragione Pantaleo bisogna avere il coraggio di puntare sui giovani sia nostri che stranieri,io prenderei Zeman e tutti avanti con i giovani…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*