Corvino: “Il settore giovanile è importante come la prima squadra. Bernardeschi mi ha reso felice”

Corvino Sala Stampa

Il direttore generale della Fiorentina, Pantaleo Corvino, parla così di Federico Bernardeschi: “Era un ragazzino che presi a 12 anni. Era una Fiorentina che veniva dal fallimento e si ripartiva praticamente da zero. Per me il settore giovanile doveva essere considerato al pari della prima squadra per creare risorse importanti. Bernardeschi lo avevamo considerato un ragazzo di grandi prospettive ma faceva sacrifici enormi per allenarsi a Firenze da Carrara. Così ho detto al padre che volevo che il giocatore studiasse a Firenze, si curasse anche nell’alimentazione e si allenasse dunque con la Fiorentina. A suo tempo avevo detto: Segnatevi questo nome perché diventerà un giocatore importante. Federico mi ha reso felice”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*