Questo sito contribuisce alla audience di

Corvino: “La squadra resta all’altezza della situazione. Un allenatore non si mette in discussione dopo due partite perse”

Il direttore generale della Fiorentina Pantaleo Corvino ha parlato oggi a Italpress a margine di un evento pomeridiano: “I giornalisti mi chiedono un giorno sì e un giorno no chi compreremo a gennaio. Mi capita di essere qui dopo due sconfitte di seguito e l’amore della città lo percepisco soprattutto dalle facce e dalle espressioni dei fiorentini. Essere come la Juventus, perdendo solo tre gare fino a Natale, e poi invece perderne recentemente due di fila, non mi fa stare tranquillo. La nostra è una squadra attrezzata per essere all’altezza della situazione. A volte il rendimento della squadra è frutto del rendimento dei singoli giocatori. Spero che migliori, che possa alzarsi e che ci faccia arrivare con calma fino a giugno per fare un bilancio complessivo di questa squadra. Riguardo a Susa ho già detto che quando si perdono uno o due partite non è bello che si mettano in discussione gli allenatori. Spero che tutto migliori velocemente perché la Fiorentina dia soddisfazioni ai tifosi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

23 commenti

  1. Non si vuole vedere la realtà, non credo che a molti di noi interessi delle due sconfitte, ci stanno non siamo tifosi bel barca, purtroppo siamo viola dentro. Il problema è come sono arrivate queste due sconfitte, come gioca la squadra, ma da 1 anno e non da una settimana. Neanche mi soffermo su squadra all’altezza (rispetto a quale obiettivo?) perché dietro sia a destra che a sinistra siamo da serie b. Difendere l’indifendibile?

  2. Ti contraddici, se la squadra è all’altezza della situazione, allora è l’allenatore che è scarso

  3. Ma sto c…o di Corvino o c’è o ci fa. E’ assolutamente assurdo che costui riesca a dire queste stupidaggini e difendere un allenatore presuntuoso, indolente ed incapace. Hooooh Corvino sveglia!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*