Questo sito contribuisce alla audience di

Corvino: “Noi con Montolivo, il Milan con Donnarumma, non è possibile che alle società non sia previsto rimborso per i giocatori in scadenza di contratto”

Un calcio sbilanciato sempre più dalla parte dei giocatori e dei loro agenti. E’ questo il lamento che arriva dalle società: “Non è possibile — dichiara il direttore generale dell’area tecnica della Fiorentina, Pantaleo Corvino — che tutti gli sforzi fatti per far crescere un talento nelle strutture giovanili non siano poi in qualche modo ripagati. Oggi, si sa, il mercato è soprattutto nelle mani dei calciatori e dei loro procuratori, e allora va bene la possibilità di accordarsi con il miglior offerente alla scadenza del contratto, ma dovrebbe essere previsto almeno un piccolo
rimborso alle società. A noi è successo con Montolivo, al Milan con Donnarumma, ma bisognerebbe avere una visione un po’ più ampia”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

9 commenti

  1. viola in b

  2. Questo parla di rimborsi , ha preso più rimborse spese dai procuratori lui che Primo Greganti in tangetopoli !

  3. Bravo Deo..!! Hai evocato il nome degli innominabili e intoccabili….che succhiano di sotto e ricattano di sopra…!

  4. Maxim,quoto in pieno! ma il problema è come quello dei politici e (absit injuria verbis) di Napoli.Di tutta questa gentaglia,che nel frattempo ha colonizzato i gangli della vita ,civile e sportiva,come diavolo te ne liberi? neppure in galera, perché son già piene,costano troppo e chi ce li dovrebbe mandare…..lasciamo perdere..!

  5. Non sapevo che i dipendenti in Italia avessero un manager…forse i Sindacati???? ma certamente per togliere potere alle societa’ ,lo si e’ dato (senza nessun contrappeso) ai procuratori che non sempre fanno l interesse dei giocatori che sono solo oggetti in vendita e che come squali vanno solo dove piu’ forte e’ l odore dei soldi.Occorre creare degli ostacoli a questo potere,magari facendo loro pagare penali su contratti in essere e che non vengono rispettati.Per esempio 30 milioni da pagare per chi interrompe contratto 2 anni prima,20 milioni a chi interrompe contratto un anno prima …e con quei soldi costruire impianti sportivi per i giovani e per gli anziani o malati a fini riabilitativi

  6. Alcune leggi scellerate hanno creato un sistema nel quale è stato dato uno strapotere incontrollato e incontrollabile a certi figuri e maneggioni che fanno solo gli interessi propri, fatalmente a discapito delle società, dei tifosi e di tutto il sistema calcio. Vorrei proporre a questo proposito una idea che, più ci penso, più mi sembra non così assurda come potrebbe sembrare a prima vista. Si dovrebbe eliminare l’esborso alle società che cedono un giocatore. In questo modo nessuno avrebbe più interesse alla vendita e si andrebbe per tutti a scadenza di contratto. Alla fine la società avrebbe perso il giocatore a zero ma intanto:
    1 – non avrebbe dovuto subire le bizze semestrali di chi vuol essere ceduto anzitempo
    2 – se il giocatore è giovane ed esplode avrebbe potuto utilizzarlo fine alla fine del contratto
    3 – dovrebbe sostituirlo ma potrebbe farlo con qualcuno a parametro zero
    Se si poi si aggiungesse che per i giovani cresciuti in società, arrivati a diciotto anni, le società avessero il diritto a sottoporli ad un contratto professionistico standard per durata e più o meno per ingaggio, penso che si sarebbe trovato un sistema, non per equilibrare i campionati perché per quello occorrerebbero altri provvedimenti, ma probabilmente per spuntare le unghie a quei maneggioni di cui sopra.

  7. Ineccepibile …

  8. Stavolta ha ragione. Ma il suo amico Ramadani che dice? Comunque la cruda realtà è questa e bisogna per forza venire a patti con questi soggetti,senza nessun vero potere contrattuale se non quello di dar loro sempre più soldi. Se la famigerata sentenza Bosman ha equiparato i giocatori ai lavoratori dipendenti,i quali hanno l’unico dovere della “fedeltà” (al contratto, non alla squadra come vorrebbero quelli con gli occhi foderati di prosciutto) e come fai a sapere se uno dà un calcio al pallone in maniera “coerente al contratto” o piuttosto come lo desse a un cane randagio? quindi…ciao core!!

  9. e come dargli torto

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*