Corvino provvidenziale per i conti dei Della Valle. Ma i regali dal mercato di gennaio…

Mario Cognigni in compagnia di Pantaleo Corvino. Foto: Fiorentinanews.com

Paolo Panerai, vice presidente della Fiorentina, ieri ha fatto il punto dopo il consiglio di amministrazione e non son certo arrivate buone notizie per quanto riguarda i conti della Fiorentina: “Veniamo da un rosso di 48 milioni di euro, la mano di Corvino si è vista ma non abbiamo ancora concluso il nostro lavoro. Dovremo rientrare anche nelle prossime sessioni di mercato”. Messaggio chiaro anche per Corvino: il mercato di gennaio non sarà né ricco né pirotecnico. Da giorni lo stiamo sottolineando anche su Fiorentinanews.com, perché comunque i Della Valle non sono in condizione di poter investire a gennaio. Questo non esclude il fatto che Corvino stia comunque lavorando per trovare almeno un paio di innesti (magari in prestito) per poter arricchire la rosa di Sousa. Sarà un mercato al risparmio della Fiorentina, l’ennesimo da qualche anno a questa parte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

15 commenti

  1. ma questi 50 mil. di rosso chi li ha generati? a parte gli sciagurati acquisti di Gomez e Rossi, non ci sono stati acquisti pesanti. Prestiti, scommesse perse, pippe e rottami vari. dunque i casi sono due: o ci stanno prendendo per il culo o hanno sbagliato tutte gli investimenti, cioè o sono falsi o sono incompetenti. Non so cosa sia peggio.

  2. Queste sono menzogne, con la vendita di Alonso e con la riduzione del monte ingaggi da gennaio 2017 la fiorentina riparte da 0, leggere fra le altre anche l’articolo di calcio e finanza di cui bibi ha riportato il link. Vorrei che spiegassero come mai non possono investire 10-15 milioni in questa sessione di mercato e programmare eventuali cessioni per giugno. Veramente la società viola oggi è composta da persone false che danno il voltastomaco a chi ama la fiorentina! Forza viola e che babbo natale riporti i della balle nelle marche e li lasci per sempre là!

  3. Antonino dici il vero! Questi sono i fatti, incontrovertibili. SFV.

  4. Dati ufficiali del bilancio d’esercizio :anno 2010 = – 9.6 mil ; 2011= – 32.5 mil ; 2012 = + 1.156 mil ; 2013 = +1.5 mil ;
    2014 = – 37 mil ; 2015 = -15,580

    Previsione bilancio 2016 : (da http://www.calcioefinanza.it/2016/09/05/fiorentina-saldo-calciomercato-2016-2017-plusvalenza-alonso-chelsea/)
    Gli investimenti della Fiorentina nella sessione estiva del calciomercato 2016/17 hanno superato di poco la soglia dei 12 milioni di euro, le cessioni hanno portato nelle casse della società presieduta da Andre Della Valle 37,7 milioni di euro circa. Se il saldo tra entrate e uscite è dunque positivo per 25,2 milioni, dal punto di vista contabile le cessioni si sono tradotte in plusvalenze (registrabili già nel bilancio al 31 dicembre 2016) per 31,9 milioni. Considerando anche ingaggi e ammortamenti risparmiati (solo la metà di questi risparmi andrà nel bilancio 2016) l’impatto sulla stagione 2016/17 è positivo per 52,39 milioni di euro.
    Questa è la verità, che è ancora migliore di quello che tutti subodoravano. E quello che dice Panerai, così come quello che dice Cognigni, Andrea Della Valle, Rogg e anche Corvino SONO TUTTE FALSITA’ atte a giustificare la mancanza di volontà di investire nella Fiorentina.

    Ci siamo rotti di essere presi in giro da questi vergognosi figuri, abbiano almeno il coraggio di dire la verità. Vendano, facciano le loro agognate plusvalenze E SE NE VADANO, E NON SI FACCIANO PIU’ VEDERE !

  5. Se ieri la Viola non ha vinto è stata tutta colpa di Sousa. Hanno segnato il primo goal in fuorigioco (dopo averne fischiati due cobsecutivi e millimetrici Sto arrivando! Kalinic) è la colpa è certamente di Sousa che non conta nulla in federazione. Tomovic ha letteralmente regalato una rete e la colpa non può che essere di Sousa che non ha saputo acquistare un difensore migliore. A 30 secondi dalla fine della partita perdiamo (per altro errore credo di Tomovic) la palla e poi facciamo un assurdo rigore e la colpa non può che essere di Sousa che non ha acquistato giocatori da Fiorentina e vincenti. Invece i grandi meriti sono tutti della dirigenza che in poco più di un anno sono stati capaci di tirare fuori un campione dal calibro di Bernardeschi; certo per tutto lo scorso campionato hanno obbligato Sousa a farlo soffrire su tutta la fascia per fargli acquisire forza, potenza e resistenza che adesso gli stanno consentendo di essere un giocatore a tutto campo capace di giocare al massimo per quasi 90 minuti. Hanno imposto a Sousa di far esordire Chiesa (ancora sconosciuto a tutto allenatore compreso) subito in campionato con la Juve per far capire chiaramente al giovanotto che la Società credeva tantissimo in lui; certo hanno imposto a Sousa di non buttarlo allo sbaraglio essendo ancora un calciatore in crescita fisica e quindi soggetto ad infortuni in caso di sforzi continui. Purtroppo la società nulla ha potuto sulla volontà forte di Sousa (aveva prospettato lo sciopero degli allenamenti e di non presentarsi in panchina durante le partite) di disfarsi dei vari Salah, Joaquin, Savic e Alonso poiché non ritenuti all’altezza della Fiorentina però sono riusciti, ma dopo grandi insistenze, ad imporre a Sousa l’acquisto di Kalinic dovendo però cedere alle insistenze assurde dell’allenatore per prendere i vari Kone, Tino Costa e Benalouane come aveva assurdamente insistito l’estate precedente per avere a disposizione Suarez, Verdu’ e Gilberto. E quest’anno? Ha voluto a tutti i costi giocatori di lunga durata perché riteneva di avere già in squadra delle alternative eccellenti.
    Per tutto questo è giustissimo che adesso il meglio del tifo viola è il meglio della Stampa e critica locale chieda a gran voce di cacciare Sousa.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*