Questo sito contribuisce alla audience di

Corvino: “Società, tecnico e giocatori, abbiamo stretto un patto: faremo di tutto per raggiungere l’Europa e riavvicinare i tifosi alla squadra”

C’è anche il direttore generale della Fiorentina, Pantaleo Corvino, in sala stampa con Paulo Sousa e in merito al momento dei viola parla così: “Abbiamo deciso di presentarci in tre a questa conferenza stampa perché quando certi obiettivi sfuggono bisogna fare delle analisi, le hanno fatti i tifosi e anche la stampa, ma noi che giochiamo la domenica ci dobbiamo solo preoccupare di ogni partita che andiamo ad affrontare. Anche noi abbiamo fatto le nostre analisi e ci siamo detti che il campionato è l’unico obiettivo rimasto con 10 partite che restano da qui alla fine. Sette punti di svantaggio sono molti ma l’obiettivo è ancora raggiungibile specie se tutte le componenti sono unite e mi riferisco a società, tecnico e giocatori. Ai nostri tifosi non possiamo chiedere nulla in questo momento e proveremo a riportarli intorno alla squadra con queste partite. Abbiamo fatto un patto e faremo di tutto per raggiungere l’Europa, lo dobbiamo fare per riportare accanto a noi i nostri tifosi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. Atto dovuto di Corvino. Anche se abbondantemente ritardato. Nel 2017, in una piazza come Firenze, non si può lavorare in immersione, come piace a Corvino, bisogna cavalcare l’onda costantemente, stare sempre sul pezzo, fare sentire la propria voce costantemente. Il 2017 non è il 2005, è un’altra ERA. Non credo Corvino ne sarà mai capace, ma oltre che apprendista negromante può anche fare l’apprendista direttore sportivo del 2017. Male non gli fa. Anche se la gallina vecchia resta abbastanza bollita, e non direi che faccia buon brodo. Chi alla Fiorentina non raggiunge almeno l’Europa League non dovrebbe essere confermato, che si tratti di direttore sportivo o allenatore.

  2. Mettiti a cercare un allenatore invece di fa i patti!!!

  3. Il migliore patto sarebbe quello per farti lincenziare!!!! Ha preso una vagonata(come suo solito) di giocatori che farebbero fatica a giocare titolari anche in B spendendo complessivamente una decina di milioni!!! Con quei soldi si poteva prendere un difensore coi fiocchi!!!
    Questo personaggio insieme a Gnigni e i Braccini sono la rovina e la vergogna della Firenze calcistica!!!

  4. Secondo me sarebbe uno sbaglio grave puntare al sesto posto perchè questo comporterebbe l’ammissione alle qualificazioni di EL, cioè cominciare a giocare gare internazionali a fine Luglio con grave danno sulla preparazione del Campionato. Ormai la stagione è andata, e quello che tutti dovrebbero fare, oltre a mettere sempre il massimo di professionalità nel proprio lavoro, è quello di lanciare dei giovani di prospettiva per i prossimi anni. Hagi, Perez, Gori, Mlakar, Diakatè, Scalera,Castrovilii…etc..perchè non provarli e non dare loro la possibilità di mettersi in luce o anche soltanto di imparare ? Questa sarebbe una strategia per coinvolgere i tifosi di nuovo, perchè ci sarebbe la possibilità di vedere da vicino coloro che domani potrebbero essere i nuovi Chiesa o Bernardeschi. E, tra l’altro, darebbe freschezza e grinta ad una squadra che, ad oggi ed al di là di tanti roboanti discorsi, manca in primis in queste caratteristiche. Caro Corvino, hai ridetto una bischerata, un’altra volta !!

  5. Lo stesso discorso di cinque anni fa! NON NE POSSIAMO PIÙ!!!!!!!!!!

  6. Il solito bla bla …. ma xche’ lo hanno riportato in società ? Io sono stanco di tutte queste storielle. FATTI NON PAROLE

  7. Sto vedendo la conferenza stampa in diretta. Dire che sia una cosa stucchevole è poco. Mi chiedo : a cosa serve a questo punto arrivare sesti in campionato (perchè il quinto posto è davvero un miraggio), per fare i preliminari di Europa League. Iniziare a Luglio vuol dire fare la stessa identica fine del Sassuolo di quest’anno. Sarebbe meglio fare festa, tanto ormai le uova sono rotte e rotte bene.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*