Corvino-Sousa e le clausole rescissorie della discordia

C’è una netta diversità di vedute tra Paulo Sousa e Pantaleo Corvino. L’oggetto del contendere? Le clausole rescissorie. “Ogni clausola rescissoria che metti, dai una direzione di vendita”, così aveva detto Sousa alla vigilia di Fiorentina-Cagliari, commentando alcune voci di mercato riguardanti Federico Bernardeschi. Ieri pomeriggio è arrivata la replica del direttore generale dell’area tecnica: “Detto che sono quasi sempre i giocatori a volerle, secondo me sono una difesa per il club, soprattutto a certe cifre come è stato per Kalinic“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. Ricordo solo che Cuadrado è stato venduto ad un prezzo inferiore alla clausola.
    Per Kalinic, se nn si impuntava il ragazzo, avrebbero preso tranquillamente 38 milioni.
    Da Elvis vorrei capire se il concetto “fuori i milioni”, vale solo per Bibi, o anche per i suoi amici marchigiani che dicono di voler fare uno stadio nuovo ?

  2. Re Leone, è ovvio che hai ragione, il mio ” mandiamoli via” era solo per rafforzare il fatto che è questa Proprietà la prima colpevole.
    Elvis : non ci vogliono i milioni per gestire una Società di calcio con l’autofinanziamìento che hanno detto, e stanno facendo, da due anni. Basta un buon direttore ed una buona organizzazione tecnica. Sarei tranquillamente in grado di farlo anch’io. Se invece pensi alla vendita della Società, è chiaro che ci vogliono i milioni, ma, soprattutto, per trovare un compratore serio ci vuole un prezzo equo, cioè quello che, in una economia di mercato, mette d’accordo la domanda e l’offerta. Se una delle due è sbilanciata, l’affare non si fa. E, da quello che dicono, la richiesta dei DV per la Fiorentina, sarebbe fuori mercato. Da qui il tentativo che faranno di vendere Società+Stadio.

  3. supercannabilover

    Le clausole si mettono quando si vuole vendere e sono decise con i procuratori dei giocatori, altrimenti si crede alle favole.

  4. Ti seguo su tutto Ma purtroppo dopo I Dv ce il vuoto

  5. BIBI..stavolta ho una precisazione da fare..si possono mandare via tutti gli stipendiati della società ma la proprietà non si può cacciare..se non ci sono acquirenti e non si mettono d’accordo sulle cifre del passaggio di proprietà non possiamo rimanere senza proprietà ma la dobbiamo sopportare e contestare al limite..di più non possiamo fare..sarebbero da licenziare subito Corvino e Sousa che invece secondo me stanno lavorando malissimo nei loro ruoli..FV

  6. bibi bodi bu alla FIORENTINA ci pensi tu….. fuori i milioni e ti appoggio

  7. Ma la questione del contendere tra P. Sousa e Corvino sono le clausole rescissorie ed il loro significato più o meno intrinseco ? Non è come gioca la squadra ? non è come sono messi in campo i giocatori ? non è i cambi ? non è la rosa di giocatori che è a disposizione ? non è la politica di non-rinnovo che fa la Società ? non è l’atmosfera di sfiducia che si respiora dall’anno scorso ? Ma mandate via Sousa, chi se ne frega di lui, mandate via Corvino, altro venditore di fumo, mandate via Cognigni, uno dei più grandi responsabili, ma, soprattutto, mandiamo via i Della Valle, e Don Diego Del Foulard in primis !

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*