Cosa succede a chi lascia la Fiorentina?

Nel giorno delle parole di Macia, uno che ha appena lasciato Firenze e la Fiorentina per una nuova sfida in Spagna, tornano alla mente gli altri nomi importanti che, anche per motivi diversi, negli ultimi due anni hanno deciso di lasciare il viola. Dal più recente Juan Cuadrado ai quasi dimenticati Jovetic‘ e Ljajic‘, lasciare Firenze non è sempre l’idea migliore. Oggi per il match che potrebbe chiudere definitivamente il discorso Premier, Arsenal-Chelsea, il colombiano si accomoderà in panchina. E se è vero che quasi sicuramente avrà al collo la medaglia di campione d’Inghilterra entro un paio di settimane, è vero anche che i circa 200′ messi insieme dal suo arrivo in Blues lo rendono inutile nel team attuale di Mourinho. Discorso simile quello che si può fare per Jovetic‘, andato a Manchester per 30 milioni di euro due estati fa per non giocare praticamente mai, complici anche i soliti tanti infortuni del montenegrino di cristallo. Solo 39 presenze in due stagioni, con l’esclusione dalla lista Champions a gennaio e la rottura con Pellegrini. Bye bye. Discorso diverso, invece, per Adem Ljajic’, rimasto in Italia. L’anno scorso è arrivato secondo con la Roma giocando relativamente poco, ma centrando ottimi obiettivi di squadra. L’opposto quest’anno: buona la sua stagione, ma sempre più negativa quella dei giallorossi, che erano partiti con sogni scudetto ma rischiano di non centrare neanche il terzo posto. Insomma, Macia ha chiaramente una storia diversa, ma lasciare la Fiorentina non è sempre una buona idea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA