Questo sito contribuisce alla audience di

Cragno: “La Fiorentina mi scartò, ma il motivo dovete chiederlo a loro. Batigol il mio idolo”

Fiorentino e nativo di Fiesole, Alessio Cragno, portiere del Cagliari e della Nazionale Under 21 e nell’ultima stagione titolare nel Benevento neo promosso in Serie A, si racconta a La Repubblica tirando in ballo anche la Fiorentina: “La mia storia parte da Fiesole, papà bancario e mamma infermiera, mentre mio fratello Andrea gioca nelle giovanili del Livorno […]. Da piccolo facevo nuoto ma non volevo stare da solo, quando andai nella scuola calcio ero l’ultimo arrivato: il portiere titolare aveva la febbre e mi misero in porta. Non sono più uscito. Ho fatto alcuni provini. Roma, Fiorentina, ma per un motivo o un altro non sono mai andati a buon fine, e il motivo, senza fare polemica, dovete chiederlo. Poi a 16 anni sono stato preso dal Brescia. […] Il mio idolo è Batistuta, mentre il mio modello è Casillas per l’eleganza. […] Credo di aver dimostrato di aver meritato la Serie A, ma al momento sono talmente concentrato sulla Nazionale Under 21 che non ci penso. A Benevento abbiamo fatto la storia ma ce ne renderemo conto solo a mente fredda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Grande Ale! Meglio Lezzerini! Sicuro…..e’ più alto!

  2. Gragno sta Bono via

  3. 1,84? Quindi ben 2 centimetri meno del corazziere Petriccione.

  4. Se parte da fiesole sara Babbo banchiere…

  5. Perchè come portiere sei “basso”, 184 cm: tutto qui.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*