Da Figo a Valbuena: Salah lotta per assicurarsi la peggior accoglienza da ex

Salah inchino

Di ritorni nel calcio ce ne sono tanti, alcuni belli ed emozionali, altri segnati dal rancore e dal tradimento. E spesso l’accoglienza non è propriamente delle migliori, tanto per usare un eufemismo. Ne sanno qualcosa ad esempio Luis Figo e Mathieu Valbuena, in passato accostato anche alla stessa Fiorentina. Il sito ufficiale di Gianluca Di Marzio fa un excursus sulle peggiori accoglienze ricevute dagli odiati ex, nel giorno in cui Salah metterà nuovamente piede all'”Artemio Franchi”. Per la cronaca Figo fu accolto dai tifosi del Barcellona, dopo il passaggio al Real Madrid, con il celebre lancio di una testa di maiale (vera) mentre si apprestava a battere un corner. Per Valbuena invece, passato dal Marsiglia al Lione (con l’intermezzo della Dinamo Mosca) i sostenitori dell’OM bruciarono la sua maglia nel pre gara e mostrarono un fantoccio decapitato a sua immagine e somiglianza. E che dire dell’ex palermitano Zahavi, cresciuto nel Maccabi Tel Aviv ma ora all’Hapoel: durante un derby venne aggredito da un invasore, per poi reagire e venire espulso. Da lì situazione che degenerò in rissa ed ulteriore invasione di campo da parte di entrambe le tifoserie. In Italia ricordiamo più banalmente il ritorno, con gol, di Ronaldo a Milano ma con la maglia del Milan: esultanza con mani dietro alle orecchie ma nulla più in quel caso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA